Lavoro: la disoccupazione resta stabile, quella giovanile risale

Eleonora Gitto

La disoccupazione resta stabile, quella giovanile risale.

In Italia il tasso di disoccupazione è rimasto sostanzialmente stabile a dicembre, attestandosi intorno al 12%.

Più preoccupanti le notizie riguardanti il mondo dell’occupazione giovanile, dal momento che la percentuale dei senza lavoro fra i 15 e i 24 anni è salita oltre la soglia del 40%.

L’aumento rispetto a novembre è stato dello 0,2%.

Queste le dichiarazioni del Ministro del Lavoro Giuliano Poletti in proposito, parlando di “consistenti variazioni” su base annua: “La forte diminuzione degli inattivi, 478mila in meno, vede una significativa crescita degli occupati, 242mila in più e l’aumento delle persone che cercano attivamente lavoro, 144mila in più”.

“Unito agli aumenti già registrati nei periodi precedenti – continua il Ministro -, l’incremento registrato anche nel 2016 porta a 602mila il numero degli occupati in più a partire dal febbraio 2014, 440mila dei quali sono lavoratori stabili”.

“In questo quadro – conclude Poletti – c’è stata un’inversione di tendenza per quanto riguarda gli ultracinquantenni,  rispetto ai quali il numero degli occupati nel 2016 è aumentato di 410mila unità”.

Di contro, nell’età ricompresa fra i 15 e i 49 anni, sempre nel 2016, c’è stata una diminuzione degli occupati di circa 168mila unità.

Next Post

Ufo in Umbria, gli esperti analizzano il caso di Dario Vinti

Ufo in Umbria sui Monti Martani: gli esperti ufologici analizzano il caso di Dario Vinti. Il famoso Gruppo Italiano di Studi Ufologici (GISU) è intervenuto direttamente in merito all’avvistamento operato dal testimone Dario Vinti presso i Monti Martani, al quale è seguito un articolo sul Corriere dell’Umbria. Sempre al Corriere […]
Ufo, gli esperti analizzano il caso di Dario Vinti