Lavoro precario, sta danneggiando la salute della popolazione

Redazione

Secondo un recente studio, l’instabilità professionale all’inizio di una carriera ha conseguenze a lungo termine per il benessere psicologico

Il 18,5% dei giovani tra i 15 ei 24 anni era disoccupato in Europa all’inizio del 2021. La Spagna e l’Italia sono i paesi più colpiti: oltre il 40% dei giovani è disoccupato. E la crisi sanitaria rischia di peggiorare ulteriormente queste cifre nei mesi a venire. Gli scienziati hanno lavorato sulle conseguenze di questa inattività sulla salute mentale. In uno studio pubblicato su BMJ Open, questi tre ricercatori di Barcellona, ​​affiliati al Center for Research in Occupational Health, spiegano che la precarietà e l’instabilità danneggiano la salute mentale a lungo termine.

Lavoro precario sta danneggiando la salute della popolazione
foto@Flickr

Per arrivare a questa conclusione, hanno creato una coorte di partecipanti: dai 18 ai 28 anni e residenti in Catalogna. Ognuno di loro era già stato assente dal lavoro una volta per problemi psicologici tra il 2012 e il 2014.

Hanno fornito informazioni sul proprio passato professionale . “Si tratta di un nuovo approccio per valutare come le transizioni tra diversi tipi di contratti, periodi di disoccupazione e lavoro e la perdita temporanea della copertura sociale possono influenzare l’evoluzione della salute mentale nei giovani lavoratori che arrivano sul mercato del lavoro“, analizza Mònica Ubalde-Lòpez, coordinatrice della ricerca.

Con il suo team ha utilizzato strumenti statistici per valutare la stabilità professionale delle persone interrogate. “Questo ci ha permesso di avere una fotografia degli ultimi dieci anni di carriera“, sottolinea Amaya Ayala- Garcia. Sono stati definiti quattro modelli standard: lavoro stabile e permanente, maggiore stabilità , occupazione instabile con diverse tipologie di contratto e infine ingresso tardivo nel mercato del lavoro . “Per determinare la gravità dei disturbi della salute mentale, abbiamo misurato il numero di giorni di assenza cumulativi legati a disturbi mentali negli ultimi tre anni “, aggiunge.

Lavoro e pandemia Covid-19

Secondo i loro risultati, una situazione precaria aumenta il rischio di assenteismo legato a disturbi psicologici. D’altra parte, più la situazione professionale si stabilizza, più diminuisce il numero di giorni di assenza per questi motivi.

Nonostante questo sviluppo positivo a lungo termine, gli scienziati rimangono misurati. “La precarietà del lavoro tra i giovani si vede nei tassi di lavoro temporaneo e di disoccupazione , precisano. Tuttavia, sono notevolmente aumentati con la Covid“.

Lavori stagionali, lavori da studente o primi lavori: tutti sono diventati più difficili da trovare dall’inizio della crisi sanitaria, ma riguardano in particolare i giovani. Secondo i risultati di questi ricercatori, è necessario mettere in atto politiche di sanità pubblica per ridurre il rischio di assenteismo a lungo termine.

Next Post

WhatsApp si aggiorna in versione desktop

Le chiamate vocali e video sono finalmente apparse nell’applicazione desktop WhatsApp per Windows e Mac. Il servizio di messaggistica di Facebook offriva questa funzione solo nella sua app mobile. Le chiamate sono protette da crittografia end-to-end, quindi WhatsApp e Facebook non saranno in grado di intercettarle. In un comunicato, il […]
WhatsApp si aggiorna in versione desktop