Legambiente, in Italia fiorisce solo il fatturato delle ecomafie

Non è certo una novità, eppure dinanzi all’entità di certe cifre non si può che rimanere sbalorditi e perplessi.

E’ risaputo che, in tempo di crisi, mentre tutti i mercati rallentano, l’economia sommersa fiorisce e “fattura” cifre da record, e l’ecomafia, quella legata ai reati ambientali, non è certo da meno.

Come mostra chiaramente  la fotografia sull’illegalità ambientale scattata dal nuovo rapporto Ecomafia di Legambiente, il giro di affari delle Ecomafie non si ferma: nel 2014 cresce ancora e raggiunge i 22 mld di euro, con un incremento di 7 mld rispetto al 2013.

Nello specifico, nel 2014  i reati accertati sono stati 29.293, il che significa un ritmo di 80 al giorno cioè quasi 4 ogni ora, con un aumento delle infrazioni nel settore dei rifiuti (più 26%) e del cemento (più 4,3%) perlopiù ”alimentate dalla corruzione”.

Se si registra un calo del 21% dei reati in Campania (che però mantiene il record dell’illegalità ambientale), aumentano i delitti ambientali in Puglia (15,4% del totale con 4.159 denunce). E la Lombardia detiene la leadership della corruzione (31 indagini), seguita dalla Sicilia (28 inchieste), dalla Campania (27), dal Lazio (26) e dalla Calabria (22).

Spiccano i numeri dell’agroalimentare: fattura 4,3 miliardi per 7.985 illeciti; il racket degli animali colleziona 7.846 reati. Cresce anche il business dell’archeomafia (che include il valore dei beni archeologici recuperati, i falsi sequestrati e i sequestri effettuati), che con 500 milioni vede più che raddoppiato il mercato nero (nel 2013 era di circa 200 milioni).

Loading...
Potrebbero interessarti

AOSO M16, le cuffie per correre con la musica

Per ascoltare la musica mentre si corre o si pratica qualsiasi altra…

Google WiFi è sbarcato ufficialmente anche in Italia

In netto ritardo rispetto al mercato americano, dato che oltreoceano il “rivoluzionario”…