Liam Gallagher, il cantante attacca duramente gli U2

In queste ore è finalmente disponibile su YouTube il nuovo singolo di Liam Gallagher, Chinatown; secondo estratto dal suo primo disco solista, As You Were, in uscita il prossimo 6 ottobre per Warner Music.

Protagonista del video dell’ex voce degli Oasis è Londra: la capitale londinese è ripresa attraverso un filtro scuro, rosso e fa da sfondo a un brano decisamente più malinconico di Wall of Glass. Ad un certo punto il rocker si ferma davanti a un murales, che riporta la scritta “We stand united with Manchester”, in onore delle vittime dell’attentato del 22 maggio alla Manchester Arena.

Ma il talentuoso artista, al suo debutto da solista, è nell’occhio del ciclone per una sua durissima affermazione, fatta sui social e che in una manciata di ore ha già fatto il giro del mondo.

Nello specifico, il cantante si è scagliato duramente contro gli U2 rispondendo a un fan su Twitter: Liam Gallagher non le ha mandate a dire e ha lanciato offese pesanti contro la band U2 che sta per iniziare la tournée europea.

Quando un fan ha chiesto a Liam sul popolare social network se fosse andato a vedere il concerto a Londra della band di Bono esortandolo a dare un “ascolto particolare” all’artista di apertura, Noel Gallagher, lui ha risposto molto piccato, mostrando che i rapporti tesi col fratello non sono certo migliorati.

“Preferirei mangiare la mia merda piuttosto che ascoltare quell’ammasso di mediocri del ca… come te”, ha tuonato anche con ben poca classe.

In un tweet di poco successivo ha poi definito la loro musica “Toff rock”, che più o meno possiamo tradurre come “rock da ricchi ripuliti”. Non sono infine mancati anche i commenti sul fratello Liam, che sarà anche alle due date romane in apertura della grande rock band.

Loading...
Potrebbero interessarti

Bill Cosby, annullato il processo per violenza sessuale

Data l’età avanzata, molto probabilmente non vedrà mai una cella, ma a…

Povia, l’ultima canzone è una dura invettiva contro gli immigrati

Nei giorni scorsi, indossando la maglietta arancione “d’ordinanza”, Povia era a Pesaro…