Marte: Rilevata un’attività del pianeta inspiegabile

Redazione

Negli ultimi 50 anni, numerosi veicoli spaziali sono stati inviati per osservare Marte da vicino, rivelando che il Pianeta Rosso è attivo, è devastato da una continua attività geologica e crivellato di canali sotterranei.

Una prova di questa attività è il fatto che il paesaggio marziano ha subito regolarmente disastri naturali come le frane.

Marte Rilevata attivita del pianeta inspiegabile
foto@Wikimedia

A quanto pare queste frane si sono verificate su Marte ma gli scienziati non sono stati in grado di determinarne la causa.

Tuttavia, un nuovo studio pubblicato sulla rivista Science Advances potrebbe mettere luce sul comportamento simile alla Terra che si verifica su Marte. La causa potrebbe essere sotto la superficie del pianeta rosso. 

Secondo lo studio, l’espansione e il collasso nel sottosuolo marziano è il fattore scatenante dietro le famigerate frane. I risultati avranno enormi implicazioni per le future missioni di esplorazione con equipaggio su Marte.

Nel settembre 2018 il Mars Reconnaissance Orbiter della NASA è stato in grado di intravedere quella che sembrava essere una recente frana in un creatore vicino alla regione di Nili Fossae del Pianeta Rosso.

Le frane sono state formate da enormi quantità di roccia e suolo che si muovevano in discesa a velocità fino a 360 chilometri all’ora, estendendosi per decine di chilometri. Gli scienziati, tuttavia, non sono sicuri di cosa abbia causato la formazione delle frane.

Janice Bishop , autrice principale e ricercatrice senior presso il SETI Institute, stava analizzando i processi chimici sotto il ghiaccio antartico quando ha notato somiglianze con il pianeta rosso.

Bishop dice in un’intervista con Inverse, “L’Antartide è un ambiente freddo e secco come Marte. Così abbiamo iniziato a guardare anche altri analoghi per cercare di capire questa chimica“.

Il team di ricercatori ha studiato il Mar Morto, Salar de Pajonales, e ha condotto esperimenti di laboratorio per avere ulteriori informazioni su ciò che potrebbe causare i cambiamenti nella topografia del Pianeta Rosso.

Attraverso le loro osservazioni, il team ha trovato specifiche interazioni chimiche del sale con il gesso o l’acqua sotterranea che causano interruzioni sulla superficie, inclusi crolli e smottamenti.

Bishop spiega: “I sali di cloro sono molto deliquescenti, assorbono molta acqua e quindi diventano liquidi. Se lasci fuori la saliera, assorbe acqua e diventa appiccicosa“.

Allo stesso modo, il sale e il solfato di cloro trovati nell’acqua gelida sotterranea sotto la superficie marziana creano disturbi instabili nella superficie fuori terra.

Si pensa che lo stesso processo abbia causato frane sulla Terra milioni di anni fa. La differenza, il nostro pianeta è per lo più coperto da oceani e piante che ci impediscono di osservare i segni rimanenti dai processi precedenti del pianeta.

Next Post

Divulgatore scientifico conferma: Anti-vaxxer minoranza ignorante

David Attenborough, divulgatore scientifico britannico, ha preso di mira gli anti-vaxxer che stanno cercando di diffondere il loro messaggio durante questa pandemia globale. L’incredibile e leggendario naturalista è meglio conosciuto per la sua esperienza nel campo della storia naturale. Tuttavia, ha contestato l ‘ignoranza” di una minoranza di persone che si […]
Divulgatore scientifico conferma Anti-vaxxer minoranza ignorante