Napoli, sempre più giovani entrano nella camorra
L’esposizione delle immagini delle 106 vittime innocenti della criminalità esposte sulla facciata di Palazzo Reale a Napoli, 17 aprIle 2015. ANSA /CIRO FUSCO

Certamente sarà la difficoltà di trovare un lavoro, altrettanto sicuramente influiranno un retaggio sociale vecchio secoli e il miraggio dei soldi facili, ma fatto sta che a Napoli è vera emergenza: non solo le fila della camorra si ingrossano a dismisura, ma di questi molto, troppi, sono ragazzini, quando non proprio bambini.

Se l’economia sommersa ormai vale quanto il Pil della Grecia, buona parte dei proventi viene proprio dai commerci della camorra e delle varie mafie, e i protagonisti a Napoli sono giovanissimi, come grida a gran voce il Cardinale Sepe.

“L’arruolamento dei ragazzi nelle file della malavita organizzata è la “guerra” di casa nostra- dice il vescovo –  è la sconfitta della nostra comunità locale, è la bandiera a mezz’asta costantemente abbassata sulla nostra  storia e sulle nostre conquiste”.

Sepe parla di una “terribile esplosione” e pensa alle baby-gang e ai giovani stretti in “una terribile morsa”. Il cardinale si preoccupa del “conto amaro dell’infanzia rubata, di un’età dell’esistenza azzerata dalla vigliaccheria di

chi non riesce neppure ad attendere i tempi di reclutamento per ingrossare le file del crimine e della malavita organizzata”.

Nella terra di Napoli, a giudizio del Cardinale Sepe, “la spirale di violenza e di odio non sembra mai placarsi”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Belen Rodriguez il suo futuro? Striscia la Notizia

Avete notato che l’estate di Belen Rodriguez è stato un po’ sotto…

Rocio Munoz Morales e il controverso rapporto col gossip

Essere una star del cinema o del piccolo schermo ha certamente i…