Non ricordi dove hai parcheggiato? Lo spiega la scienza

Redazione

Alla maggior parte delle persone è capitato di perdere l’orientamento nel cercare la propria auto ad esempio in un parcheggio di un centro commerciale, oggi gli scienziati spiegano il perchè.

Non ricordi dove hai parcheggiato Lo spiega la scienza
foto@depositphotos.com

Se utilizzi l’auto tutti i giorni, ti sarà capitato almeno una volta di aver dimenticato dove hai parcheggiato. Questa abitudine è il motivo per cui ci sono innumerevoli applicazioni sui telefoni cellulari, che ci aiutano a ‘segnalare’ questo dettaglio, per non cercare l’auto a volte per ore.

I ricercatori dell’Università della California, San Francisco , hanno cercato di spiegare il fenomeno. Esattamente come il nostro cervello ricorda dove abbiamo parcheggiato. Hanno scoperto un nuovo circuito cerebrale , che è responsabile di questa “disfunzione.

In uno studio pubblicato su una rivista medica, gli scienziati spiegano che “quando esplorano un nuovo ambiente, i topi da studio, utilizzano una connessione unica a lunga distanza con il cervello – che li spinge a prestare attenzione alle caratteristiche più importanti di l’ambiente“.

Il legamento, che ha origine nella corteccia prefrontale e si estende nell’ippocampo, fornisce la prova di come le aree cognitive superiori del cervello migliorano le funzioni che si verificano in aree remote del cervello“.

La corteccia prefrontale, considerata il “CEO del cervello”, controlla le funzioni esecutive, come l’attenzione, la pianificazione e il processo decisionale.

L’ippocampo immagazzina la memoria ed elabora le informazioni spaziali, aiutandoci a “navigare” l’ambiente.

Il circuito scoperto di recente facilita la capacità di focalizzare l’attenzione su ciò che è importante nell’ambiente e ignora altri stimoli sensoriali.

Secondo l’autore principale dello studio, il dott. Ruchi Malik è come la corteccia prefrontale che riceve tutte queste informazioni sensoriali e dice “ciao, ippocampo. Siamo qui in questo contesto particolare, quindi presta attenzione a queste informazioni specifiche in questo momento“.

Per chiarire, il dottor Malik ha fornito l’esempio del parcheggio – come contesto in cui la corteccia frontale esercita questo tipo di controllo, nell’ippocampo.

Per ricordare dove hai parcheggiato, la corteccia prefrontale dice all’ippocampo di prestare attenzione selettivamente ai punti di riferimento in modo che possa richiamarli e cercarli quando torni“.

La cosa più speciale di questo circuito è il modo complesso con cui raggiunge il compito di focalizzare l’attenzione: aumenta e focalizza l’attività su specifici microcircuiti nell’ippocampo, disabilitando i segnali che altrimenti limiterebbero questo microcircuito.

Si pensa che la disfunzione del circuito cerebrale sia collegata alla demenza e possa essere alla base di problemi mentali legati all’attenzione, alla memoria o ai disturbi mentali.

Se prendi in considerazione le tue esperienze personali, capirai che quando parliamo al cellulare o facciamo qualcos’altro, quando parcheggiamo e chiudiamo l’auto, le possibilità di ricordare dove abbiamo parcheggiato si riducono al minimo.

Next Post

Arriva il divieto di risciacquare i capelli a causa della siccità

Il sindaco di una città italiana ha vietato a parrucchieri e barbieri di lavare due volte i capelli dei loro clienti nel tentativo di risparmiare acqua durante una delle peggiori siccità degli ultimi decenni. Carlo Gubellini, sindaco di Castenazo, vicino a Bologna in Emilia-Romagna, ha affermato che ogni giorno vengono […]
Arriva il divieto di risciacquare i capelli a causa della siccita