Perchè adesso siamo tutti asintomatici e che vuol dire?
Perche adesso siamo tutti asintomatici e che vuol dire

Esperti cinesi e americani hanno studiato la questione del perché il numero di pazienti con coronavirus senza sintomi (i cosiddetti asintomatici) sia in costante crescita. Secondo alcune conclusioni, l’assenza di sintomi potrebbe essere dovuta alla tolleranza del corpo al virus e non a una forte immunità.

In termini più semplici, il corpo non vede un pericolo nel coronavirus , quindi non lo percepisce come un corpo estraneo. Di conseguenza, i processi infiammatori e di difesa non vengono attivati. Il virus stesso può essere nel corpo per molto tempo e una persona può essere una diffusione della malattia.

Perche adesso siamo tutti asintomatici e che vuol dire

Scienziati del College of Pulmonary Medicine and Reanimation of the Chinese General Hospital hanno avuto tre casi in cui i pazienti erano decisamente infetti, ma esteriormente questo non sembrava. La presenza del virus è stata confermata da un test PCR.

Il virus nel corpo dei pazienti di età compresa tra 50 e 60 anni è persistito per 50 giorni. La presenza di diabete mellito e ipertensione non ha influenzato in alcun modo i pazienti, che avevano una salute normale.

Gli immunologi americani, così come i cinesi, hanno parlato della possibile tolleranza al coronavirus . Questi ultimi credono che l’assenza di una risposta si verifica quando il corpo non può sconfiggere il virus e il virus non può sconfiggere il sistema immunitario.

Naturalmente, le teorie sulla tolleranza richiedono una conferma. Gli scienziati non si sono ancora impegnati ad affermare nulla. La situazione può essere simile a quella della tubercolosi, dove è necessaria la quantità “ideale” di infiammazione per poter controllare il virus e mantenere intatti i polmoni.

Loading...
Potrebbero interessarti

Un micro taglio per operare il tumore alla prostata

La scienza negli ultimi anni si sta evolvendo nella direzione della meno…

Morte cardiaca improvvisa scritta nel DNA, c’è un gene responsabile

Un gruppo di ricercatori tedeschi ha scoperto un gene collegato alle morti…