Quando dobbiamo sottoporci all’esame dell’udito?

Redazione

Se spesso ti fai domande del tipo: Puoi ripetere? Non ho capito…è probabile che tu debba sottoporti a un esame dell’udito.

Se ti stai chiedendo perché i tuoi amici borbottano quando parlano con te o quando i ristoranti diventano improvvisamente luoghi cacofonici e frustranti, fai un esame dell’udito.

Se i membri della tua famiglia abbassano costantemente il volume del televisore quando hai finito di guardarlo, fai un test dell’udito.

Se le conversazioni telefoniche ti creano confusione o ti ritrovi a doverti concentrare sulle labbra di un interlocutore per capire cosa sta dicendo, fai un esame dell’udito.

All’età di 65 anni, una persona su tre soffre di perdita dell’udito. E di questi, solo uno su cinque cerca effettivamente aiuto.

Più a lungo ignori la tua perdita dell’udito, peggiori saranno gli effetti fisici, psicologici e sociali. Sebbene la perdita dell’udito causata dal rumore sia indolore, è permanente.

Quando dobbiamo sottoporci a esame udito

Stronca la potenziale perdita dell’udito sul nascere. Fai un esame dell’udito. Farlo in anticipo può prevenire ulteriori danni.

Quali sono i segnali di pericolo

Di solito, la perdita dell’udito è indolore e graduale, in genere si sviluppa in un periodo da 25 a 30 anni. Senza qualche test qualitativo, non ti renderai conto che stai perdendo l’udito finché non sarà troppo tardi.

C’è un certo grado di perdita dell’udito associato all’invecchiamento e infezioni, rumore improvviso forte o prolungato, malattie (come la malattia di Meniere) o malattie genetiche (come l’otosclerosi), condizioni mediche (come il diabete), anche un accumulo di cerume può portare alla perdita dell’udito.

Ecco alcuni segnali di pericolo a cui prestare attenzione:

  • Dolore o ronzio nelle orecchie (acufene) dopo l’esposizione al rumore
  • Suoni attutiti del parlato o musica sorda dopo aver lasciato un’area rumorosa
  • Difficoltà a comprendere il parlato in situazioni affollate
  • Difficoltà a individuare la posizione dei suoni (perdita dell’udito stereo)
  • Chiedere spesso alle persone di ripetere le frasi o le parole
  • Ti verranno poste una serie di domande più complesse quando ti sottoporrai al test dell’udito. Se riscontri uno dei sintomi di cui sopra, sai cosa fare per sottoporti al test dell’udito.

Hai bisogno di vedere un otorino, un professionista specializzato nella cura della salute dell’udito. Gli otorini sono formati per condurre e interpretare test dell’udito, adattare e distribuire apparecchi acustici, fornire consulenza correlata, abilitazione, riabilitazione e conservazione dell’udito.

Il tuo otorino ti aiuterà a prendere una decisione informata sulla tua cura dell’udito e ti fornirà strategie di comunicazione per facilitare l’ascolto.

Sorprendentemente, la maggior parte delle persone che lottano con la perdita dell’udito pensano che siano insoliti. La perdita dell’udito non deve necessariamente significare depressione, frustrazione e ansia sociale: un programma di riabilitazione audiologica può addestrarti ad affrontare la tua nuova situazione e un audiologo può aiutarti a trovarne una.

Fai un esame dell’udito il prima possibile e parla con il tuo otorino della frequenza con cui testare il tuo udito. Avrai una grande possibilità di imparare a gestire la perdita dell’udito prima che diventi debilitante.

Next Post

Rigidità articolare, come prevenirla e combatterla

Può succedere in qualsiasi momento ed a qualsiasi età; un’attività faticosa, che si tratti di jogging, una partita di tennis o persino del giardinaggio, può causare rigidità e disagio articolare, limitando la libertà di movimento e diminuendo la mobilità tra i giovani e quelli più maturi. Esistono diversi modi per […]
Rigidita articolare come prevenirla e combatterla