Rosetta, la sonda atterra sulla cometa: missione conclusa

Eleonora Gitto

Addio Rosetta, la sonda atterra sulla cometa: la sua missione si è conclusa con successo.

7 miliardi di chilometri nel buio quasi totale, nel freddo cosmico, in cerca di qualcosa di importante.

Il sogno degli antichi, la fantasia di un quadro, di un disegno immaginifico: cavalcare una cometa, arrivare su di essa.

Rosetta c’è riuscita. Caparbia, tenace, ha vinto il freddo cosmico, ha depositato il lander Philae sulla Churyumov-Gerasimenko.

Poi, con diligenza, ha aspettato che il lander cominciasse a mandare dati sulla composizione della cometa, sulla sua morfologia.

Ma lassù, di lontano, a 7 miliardi di chilometri, la luce del sole quasi non arriva, e i pannelli solari stentano a caricare le batterie della vita.

Perciò bisogna affrettarsi a mandare più informazioni possibili. Così è stato.

Sulla Terra sono arrivati migliaia di dati che saranno utili per la comprensione dell’inizio del Sistema Solare, di come si è formato, e forse qualche dato importante in più sull’origine dell’universo.

Poi il comando: Rosetta deve atterrare il più dolcemente possibile su quella superficie accidentata, butterata, peggio di una strada di Roma.

Così è stato possibile registrate le ultime, straordinarie immagini di quella specie di patata tanto brutta da essere meravigliosa.

In questo modo anche l’uomo, indirettamente, è arrivato lassù. Così ora quel pezzo di ferro così fantasticamente vivo, sarà un corpo unico con il pezzo di roccia.

E con esso vagherà a motori spenti nello spazio, avendo finito il suo compito. Ma chissà, nella sua orbita ciclica intorno al sole, ripasserà forse da questa parti. Ciao, Rosetta.

Next Post

Gli Stati Uniti confermano: Napoli la città più bella

“È la mia quarta volta in Italia, dopo Roma, Firenze e Milano. Ma ho riservato per ultima la parte più bella, Napoli”. Queste le parole di Mary Ellen Countryman console degli Stati Uniti a Napoli, lei è la 52esima per la precisione ed è stregata dalla città, ha voluto presentarsi […]