Sensitiva insiste: Coronavirus era guerra Usa Cina

Redazione

Il coronavirus è la prova di una guerra biologica tra gli Stati Uniti e la Cina, questa l’affermazione di una sensitiva, nonostante gli scienziati abbiano smentito le teorie della cospirazione sul fatto che COVID-19 sia stato creato dall’uomo.

La sensitiva e astrologa libanese Layla Abdel Latif ha predetto per la prima volta lo scoppio di un virus globale nelle sue previsioni di Capodanno per il 2020. Ora ha riferito a Scoop TV del Kuwait che il coronavirus è in realtà una “forma di guerra” tra gli Stati Uniti e la Cina.

La notizia arriva dopo che il coronavirus ha infettato più di mezzo milione di persone da novembre, l’agente patogeno, che scatena la malattia del coronavirus (COVID-19), ha ucciso almeno 24.361 persone in tutto il mondo.

Smentito dagli scienziati, la sensitiva insiste: Coronavirus è guerra Usa Cina.

Secondo The New Arab, Abdel Latif ha dichiarato: “Temo che nessuno lo dica, ma stiamo affrontando una guerra biologica“.

Il coronavirus non è qualcosa che è venuto per caso, qualcosa di dubbio è accaduto ed è andato fuori controllo.

Ha aggiunto: “Questo virus si è verificato come una forma di guerra tra Cina e Stati Uniti e ci sarà un altro conflitto tra i due. Una guerra di tipo diverso“.

Gli scienziati, tuttavia, hanno negato tutte le teorie della cospirazione sul fatto che il coronavirus sia un’arma biologica prodotta dall’uomo.

Uno studio pubblicato su Nature Medicine il 17 marzo, ha proposto due teorie sulla provenienza del virus, nessuna delle quali includeva origini umane.

L’autore principale Kristian Andersen dello Scripps Research Institute in California, negli Stati Uniti, ha dichiarato: “Queste due caratteristiche del virus – le mutazioni nella porzione RBD della proteina spike e la sua distinta spina dorsale – escludono la manipolazione di laboratorio come una potenziale origine per la SARS- CoV-2.

L’esperto virologo ha aggiunto che il sequenziamento del genoma del virus punta “fermamente” verso un’origine naturale.

Next Post

Farmacista trova la letterina di un bambino sul coronavirus

La nota commovente e il dono lasciato da un ragazzo di 10 anni ad un farmacista di Liverpool che non conosceva nemmeno. Alain Weir stava chiudendo per la notte, con suo grande stupore, un giovane lo stava aspettando domenica sera con un pacchetto di Pringles, scatole di cioccolatini e dolcini. […]
Farmacista trova la letterina di un bambino sul coronavirus