Serie A, giornata tranquilla: apre la Lazio contro il Chievo, chiude Napoli-Palermo

Redazione

La giornata numero 22 di serie A, che coincide con la terza del girone di ritorno, vede accoppiamenti che si possono definire “tranquilli” per ciò che riguarda gli scontri diretti, visto l’assenza di match clou di peso. Si comincia con la Lazio che nell’anticipo pomeridiano di sabato sfiderà il Chievo Verona. I biancocelesti arrivano da una netta sconfitta in casa della Juventus per 2-0, con gol dei soliti Dybala e Higuain. La Juve ha risposto così sul campo dopo che nel turno precedente la Fiorentina aveva messo alla berlina tutti i difetti di una squadra che se non era infallibile due anni fa, non lo è certamente ora.

Allegri, sul piano della comunicazione, tira acqua al suo mulino in maniera piuttosto evidente: le sue parole non lasciano dubbi sulla questione “forza degli avversari”, convinto che le squadre che incontrano i bianconeri fanno la classica partita della vita. Beh, così non è ovviamente, ma per tutelare un ambiente che stava storcendo parecchio il naso da qualche settimana a questa parte, il tecnico livornese asserisce cose che rientrano nel suo lavoro di tutor, oltre che di mister. Anche perché gli impegni aumenteranno con gli ottavi di Champions League, in programma a febbraio. Impegnarsi contro un Sassuolo falcidiato dagli infortuni e lontano parente della squadra vispa e temibile degli scorsi anni, deve essere prerogativa di una squadra che punta a vincere tutto.

Tornando alla Lazio, Simone Inzaghi non ha fatto un dramma della sconfitta contro la capolista, ma sa che la sua squadra ha bisogno di fiducia, in modo da salvaguardare ciò che di buono si sta facendo fino a ora. Chievo in caduta libera, ormai: 4 sconfitte consecutive e ben 13 reti al passivo. Gioisce e si gode il momento, dopo la bufera De Boer di due mesi fa, l’Inter, che punta alla settima vittoria consecutiva, un’impres che i bookmakers delle scommesse sul calcio di Bet365 considerano alla portata dei nerazzurri. In ripresa sia fisico/tattica che mentale, la squadra di Stefano Pioli avrà compito facile contro un Pescara ormai quasi affondato del tutto. Oddo, che di certo non è uno che si pone problemi di schiettezza, l’ha fatto capire: allenare un gruppo disorganizzato sarebbe un problema anche per un allenatore navigato.

Il Milan farà visita all’Udinese, dopo l’eliminazione dal turno di Coppa Italia per mano della Juventus. Caso strano quello dei rossoneri, che ormai non vincono più ma lo fanno immeritatamente. Le ultime due gare, Napoli prima e Juventus dopo ma anche Roma prima delle feste natalizie, hanno dimostrato che i ragazzi di Montella possono mettere in difficoltà anche le prime tre della classe. L’ostacolo più grande però è evidente, ed è la mancata predisposizione a giocare dal primo minuto, svegliandosi solo ad eventuali gol degli avversari. Insomma, è il Milan dei secondi tempi. Misero il bottino dal rientro dalla vacanze, solo 5 punti nelle ultime 5 gare. Si appresta ad ospitare un Palermo sempre più malconcio invece il Napoli, che alterna impegni di campionato e Coppa Italia in attesa della super sfida contro il Real Madrid in Champions. Sorride anche la Fiorentina, reduce da due vittorie consecutive, coccolandosi quel promettente gioiello che porta il nome di Federico Chiesa, figlio d’arte che sembra aver intrapreso la strada giusta. Si mette male per le due squadre liguri.

Next Post

Dario Argento, Suspiria torna nelle sale per il 40esimo anniversario

Ricorre l’importante “compleanno” di una delle pellicole che gli ha permesso di essere considerato uno dei maestri indiscussi del suo genere: Dario Argento esattamente 40 anni fa portava nelle sale la pellicola “Suspiria”. E proprio dopo quattro decenni, la stessa pellicola ritorna nelle sale: si potrà vedere l’inquietante horror del […]