Smart Working: 4 esercizi per lo stretching da scrivania

Redazione

Lo Smart Working può causare dolore alle spalle e bloccare il collo e la schiena. Infatti, passare tante ore seduti può far irrigidire i muscoli oltre che stancare anche la mente. In generale, in questo caso, è bene mantenere una postura il più corretta possibile e fare diverse pause anche solo di dieci minuti ciascuna. Inoltre, è bene fare regolarmente qualche esercizio di stretching. Tuttavia, se ciò non dovesse bastare è possibile ricorrere, per esempio, dopo aver consultato il parere di un medico, a Dicloreum soluzioni per dolori articolari e muscolari. Ecco 4 esercizi per lo stretching da scrivania utili a sciogliere muscoli contratti e indolenziti. A trarne beneficio è prima di ogni cosa lasalute, in quanto si allevia la tensione muscolare, si corregge la postura e si favorisce la circolazione sanguigna.

Smart Working 4 esercizi per lo stretching da scrivania

1. Stretching da scrivania per collo e spalle

Per alleviare la tensione del collo e delle spalle bastano pochi esercizi stretching da scrivania da svolgere anche solo per pochi secondi. Per iniziare, è necessario alzarsi in piedi, ruotare un po’ le spalle e fare dei bei respiri. In particolare, un esercizio molto utile per il collo è quello di inclinare la testa a destra e di applicare una lieve pressione con la mano, in modo da allungare bene il lato sinistro. In questo caso bisogna tenere la posizione per 5 secondi, per poi ripetere il procedimento dall’altro lato. Invece, per alleviare la tensione delle spalle è necessario allungare il braccio destro verso sinistra e all’altezza del torace. Con la mano sinistra bisogna spingere il braccio destro sul petto. Prima di rilasciare è bene tenere la posizione per 10 secondi, per poi ripetere lo stesso esercizio con l’altro braccio.

2. Stretching per schiena e ginocchia

Dopo molte ore al computer il punto che provoca maggior fastidio è la schiena, specialmente nella zona lombare, punto in cui si poggia tutto il peso corporeo mentre si sta seduti. In questo caso lo stretching da scrivania più adatto a darle sollievo, consiste nel posizionarsi dietro la sedia, divaricare leggermente le gambe e piegare il busto in avanti con le braccia distese fino a toccare lo schienale. Anche in questo caso è necessario mantenere la posizione per qualche secondo. Inoltre, il consiglio è quello di ripetere questo esercizio per tre volte. Invece, per quanto riguarda le gambe, per favorire la circolazione del sangue e sgranchirsi si può restare seduti. In questo caso è necessario piegare una gamba, sollevarla, afferrare il ginocchio e tirarlo fino al petto per 10 secondi. Una volta terminato il tempo di tensione, è possibile ripetere l’esercizio con l’altra gamba.

3. Esercizio per gli addominali

Lo stretching da scrivania può essere utile anche a dare sollievo agli addominali. In questo caso è necessario stare seduti con la schiena dritta, senza appoggiarsi allo schienale, e distendere le gambe. In particolare, bisogna alzare entrambe le gambe contemporaneamente raggiungendo un’altezza di almeno 20 cm da terra e mantenere la posizione per almeno 5 secondi. Per degli effetti benefici è bene ripetere l’esercizio almeno 3 volte.

4. Stretching da scrivania per i polsi

Per favorire la circolazione del sangue anche nella zona dei polsi è bene stendere le braccia in avanti con il palmo rivolto verso il basso. A questo punto è necessario portare le dita verso l’alto e, con l’aiuto dell’altra mano, stendere le dita fino a sentire una lieve tensione. In questo caso è bene tenere la posizione per 15 secondi, per poi ripeterla anche con l’altra.

Next Post

James Webb Telescope colpito da meteorite subisce danni irreversibili

Gli scienziati della Nasa hanno riferito che il James Webb Telescope ha ricevuto danni causati da un impatto di un micrometeorite, che sono irreversibili. Un team di scienziati ha valutato le prestazioni del telescopio spaziale durante la sua fase di messa in servizio in un nuovo rapporto pubblicato la scorsa […]
James Webb Telescope colpito da meteorite subisce danni irreversibili