Sono Luca sono morto continua la catena, il terrore di WhatsApp

Redazione

Le catene di Sant’Antonio sono nate da quando evidentemente sono nati i servizi postali, molti anni fa queste famose “catene” venivano smistate attraverso normalissime lettere che venivano spedite ad un semplice ufficio postale.

Le catene partivano ovviamente da una lettera iniziale e finivano per allargarsi a dismisura, oggi la tecnologia ha preso il sopravvento e così queste cosiddette “catene” sono diventate anche e soprattutto social.

Attraverso cioè i social network e in questo caso attraverso i servizi di messaggistica istantanea o le app più famose, come quella che negli ultimi tempi ha terrorizzato gli utenti di WhatsApp, un messaggio davvero inquietante volto a proseguire e ingrandire la “catena”.

Il messaggio comincia con: “Ciao, sono Luca e sono morto” di certo non un bell’inizio anzi, un inizio che ha fatto spaventare tantissimi utenti, poi il messaggio prosegue:

Ciao, mi chiamo Luca ho 7 anni, capelli neri e occhi rossi. Non ho né naso né orecchie… Sono morto. Se non mandi questo messaggio a 15 persone nei prossimi 5 minuti io apparirò stanotte di fianco al tuo letto con un coltello e ti ucciderò. Non è uno scherzo. Qualcosa di bello ti capiterà stasera alle 22.22. Ripeto non è uno scherzo. Qualcuno vi telefonerà o ti parlerà sul cellulare e ti dirà che ti ama. Non spezzare la catena. Non mandarlo nei gruppi”.

Insomma c’è da dire che chi ha iniziato questa catena senza senso ha un discreto gusto “Horror”.

Next Post

Napoli, autista filobus accoltellato alla gamba

Si tratta dell’ennesimo atto di violenza ai danni di un autista di mezzi pubblici, accaduto a Napoli nei pressi di Piazza Garibaldi. L’episodio di violenza è stata perpetuato ai danni di un conducente di filobus, secondo la ricostruzione riportata sul quotidiano “Il Mattino”, un uomo nei pressi delle strisce pedonali […]