Stati Uniti: Ceppo modificato di aviaria farà sembrare il covid uno scherzo
Ceppo modificato di aviaria fara sembrare il covid uno scherzo

Un medico americano ha lanciato un avvertimento affermando che un ceppo mutato di influenza aviaria potrebbe uccidere il 50% di tutti gli esseri umani e farebbe apparire il coronavirus come un piccolo virus.

Un medico americano ha affermato che una piaga potrebbe decimare metà della popolazione mondiale e potrebbe essere dietro l’angolo.

Il dottor Michael Greger, uno scienziato che sostiene i benefici per la salute di una dieta a base vegetale, ha scritto un nuovo libro intitolato “Come sopravvivere a una pandemia“.

Nel libro scrive come la nostra ossessione per gli animali , sia quelli domestici legati alla caccia, allo sport, ed in alcuni casi persino mangiarli, rende gli esseri umani incredibilmente vulnerabili alle malattie infettive.

Le “zoonosi” sono infezioni che passano dagli animali all’uomo, come il modo in cui il coronavirus si diffonde ai clienti dal bestiame in un mercato umido come quello di Wuhan. La maggior parte dei virus è benigna, ma alcuni, come la tubercolosi e la SARS, sono mutati e sono diventati letali.

Il dottor Greger afferma che la malattia più devastante della storia potrebbe essere in agguato nei polli.

I polli costituiscono una parte enorme del settore agricolo globale, con la loro carne e uova consumate in quantità enormi in ogni paese. Sfortunatamente molti degli uccelli sono tenuti in allevamenti di batterie crudeli, stipati insieme mentre vengono alimentati con sostanze chimiche.

Queste condizioni rendono molto facile la diffusione di un virus su un intero gregge e di conseguenza sull’uomo.

L’influenza aviaria, ha infettato un terzo della popolazione mondiale tra il 1918 e il 1920 e ne ha ucciso il 10%, rendendola la malattia più mortale della storia umana.

Ceppo mutato di Aviaria, potrebbe essere molto più pericoloso del coronavirus.

Nel 1997 è emerso un nuovo ceppo del virus che provoca l’influenza aviaria, noto come H5N1, che è passato negli esseri umani dal pollame. Lo scoppio a Hong Kong ha avuto un tasso di mortalità incredibilmente alto e ha ucciso un terzo delle persone infette.

Per fortuna era contenuto e solo 18 persone hanno contratto l’influenza, dimostrando che aveva una velocità di trasmissione lenta. Ma gli esperti di sanità pubblica temono che l’H5N1 possa mutare ulteriormente e ottenere la capacità di replicarsi molto più rapidamente.

L’unica cosa che mi viene in mente che potrebbe portare ad un bilancio delle vittime più grande sarebbe una guerra termonucleare“, ha detto l’esperto.

H5N1 colpisce principalmente i polmoni, ma può anche infettare il flusso sanguigno e danneggiare gli organi interni. Si pensa che potrebbe mutare e diventare dieci volte più mortale della pandemia del 1918, con un tasso di mortalità fino al 50% – potenzialmente uccidendo metà della popolazione mondiale.

Il dottor Greger teorizza che l’unico modo per garantire la sicurezza dell’umanità da un mortale focolaio di influenza aviaria è uccidere tutti i polli sulla Terra e ripopolare da capo la popolazione mondiale di pollame.

Sebbene sia un sostenitore vocale di uno stile di vita senza carne, accetta che l’economia faccia affidamento su di essa, quindi dice che dobbiamo rivedere il modo in cui coltiviamo, passando da allevamenti di batterie di massa a piccoli gruppi che possono essere liberi e non pompati di antibiotici.

Il ciclo della pandemia potrebbe teoricamente essere rotto per sempre“, scrive.

L’influenza aviaria potrebbe essere radicata … ma finché ci sarà pollame, ci saranno pandemie. Alla fine sai arriverebbe al punto che o noi o loro.

Loading...
Potrebbero interessarti

Napoli, meningite causa del decesso di un 16 enne?

Purtroppo negli ultimi mesi abbiamo avuto modo di parlare più volte di…

Dieta sana? Fuori carboidrati e patate, dentro grassi e carne

Incredibile ma vero: uno studio recente afferma che una dieta sana deve…