Uber, a Londra gli è stata revocata la licenza

Una decisione, quella presa dalle autorità inglesi, destinata ad avere ripercussioni anche nel resto del vecchio continente, dove da mesi ormai lo scontro tra tassisti e “conducenti” di Uber si è fatto sempre più aspro.

In queste ore, infatti, la notizia sta facendo il giro del mondo: l’Autorità di regolazione dei trasporti ha annunciato la revoca della licenza a Uber,  startup miliardaria nata in California che fornisce un’app per chiamare un’auto con conducente da smartphone, a partire dal 30 settembre.

A Londra l’utilizzo della discussa applicazione americana è molto diffuso: nella City Uber è attivo con molti dei suoi servizi, compreso Uber Pop, che permette anche ai non professionisti di offrire passaggi, a un prezzo ancora inferiore.

Secondo l’Autorità “l’approccio e il comportamento di Uber evidenziano una mancanza di responsabilità aziendale in merito a una serie di questioni collegate alla sicurezza pubblica”. Altre critiche, contenute nella nota di Londra, riguardano la modalità con cui vengono ottenuti i certificati medici e utilizzato il software Greyball, sfruttato dai conducenti per aggirare i controlli delle forze dell’ordine.

La società ha 21 giorni per presentare appello: in attesa della decisione Uber potrebbe continuare a operare.

Ed Uber naturalmente ha annunciato ricorso immediato di fronte alla giustizia britannica e un portavoce ha polemizzato col Comune di Londra: “Questa decisione dimostra che Londra, a dispetto delle parole del sindaco, si chiude alle aziende innovative”.

Ricordiamo che, ad oggi, Uber è presente in 632 città in tutto il mondo. Tra queste le uniche due italiane sono Roma e Milano.

Anche in Italia Uber ha dovuto affrontare non pochi problemi. La battaglia legale è iniziata nel maggio 2015, quando il tribunale di Milano, su denuncia del sindacato dei tassisti, ha bandito la variante Pop su tutto il territorio italiano, accusata di concorrenza sleale e di violazione della giurisdizione sui servizi di taxi. Nell’aprile 2017 è stato invece un giudice di Roma a bloccare tutti i servizi Uber, compreso il Black. La decisione è stata poi appellata e la società ha poi vinto il ricorso, evitando lo stop al servizio.

Next Post

Harry Potter sbarca ufficialmente su Audible

Se tutti, nel mondo, lo hanno sentito nominare almeno una volta, visto il successo dei libri ma anche delle trasposizioni cinematografiche, esiste ancora qualcuno che con ha mai letto le incredibili storie del maghetto Harry Potter. Ma a tutto c’è soluzione, e per chi non ha tempo o voglia di […]