UFO, relitti alieni visti in Messico

Eleonora Gitto

Attenzione agli UFO: alcuni relitti alieni sarebbero stati visti in Messico.

Il Messico è terra di antiche civiltà, alle quali spesso, in passato, si sono collegati avvenimenti fantastici di presenze aliene, di uomini disegnati dai volti strani, con caschi e tute spaziali. O almeno così sembravano.

Tanto che si è pensato che ci fosse addirittura un interscambio culturale fra queste antiche civiltà e gli extraterrestri stessi.

Si racconta che molte conoscenze scientifiche e astronomiche, nonché matematiche di civiltà centroamericane e sudamericane, come quelle Azteche, Incas e Maya, fossero dovute alla presenza degli extraterrestri.

UFO quindi non come fantasia o mitologia, ma come realtà, anche verificabile.

Segni perfetti, troppo. Scritte su immense estensioni di terreno che non potevano essere il prodotto dell’opera umana, bensì di una civiltà avanzata proveniente dal di fuori della nostra Galassia, la Via Lattea.

Anni e anni per viaggiare e giungere finalmente sin qui, presso la nostra piccola, infinitesimale Terra.

Quindi la caccia degli Ufologi di professione, ma anche dei dilettanti, spesso si è rivolta verso l’America.

E’ lì che, cercando nelle vestigia di un passato a cavallo di tempi nemmeno tanto antichi, si può trovare davvero qualche riscontro concreto alle ipotesi dell’esistenza degli UFO, e quindi degli extraterrestri.

Ecco che pure il celeberrimo e instancabile Ufologo Scott C. Waring, ha deciso pure lui di prendere di mira quelle regioni.

E cosa ha trovato Scott? Waring, che è furbo, ha capito che era ed è possibile utilizzare Google Earth per fare questo tipo di ricerche.

Si è messo là, con costante, certosina pazienza a osservare, a scrutare i luoghi della Terra dove poteva essersi verificato qualcosa di strano.

Finalmente ha trovato quello che gli Ufologi e gli appassionati di dischi volanti vorrebbero trovare: tre relitti antichi in Messico. Proprio in Messico, la terra dell’eterna Rivoluzione, infinita come l’universo stesso che ha generato gli alieni.

La dritta a Scott C. Waring però stavolta l’avrebbe data un altro cacciatore di UFO, del quale però si tiene gelosamente nascosto il nome.

Scott ha potuto appurare che i relitti sono giganteschi. Un’astronave misurerebbe 269 metri. Si potrebbe trattare di una vecchia nave da combattimento.

Non è chiaro contro chi stava combattendo l’astronave, ma la dichiarazione è stata fatta dal maggior Ufologo presente fra le orbite della Terra e quella di Marte.

Un’altra nave più piccola, misurerebbe 61 metri. Una, purtroppo, solo 12 metri. Navi da battaglia? Forse no visto le dimensioni.

Forse navette di appoggio, chissà. Possiamo lavorarci di fantasia, come un po’ fa il buon Scott, ma la verità non la sapremo mai.

Next Post

I primi 60 anni di Barbara D'Urso, la grande festa in TV

I primi 60 anni di Barbara D’Urso, la grande festa. Lei è la grande Barbara D’Urso, che non si poteva chiamare Maria Carmela D’Urso, come in realtà si chiama, perché sennò non avrebbe fatto né soldi, né successo. E’ del 1957, il 7 maggio, e quindi ha appena festeggiato i […]
I primi 60 anni di Barbara D'Urso, la grande festa in TV