Unione Europea, come siamo arrivati a cedere parte della nostra sovranità

Ci capita sovente, ascoltando i notiziari o i programmi di attualità, di ascoltare dei vincoli che dobbiamo rispettare vista la nostra adesione all’Unione Europea, della politica monetaria, d quella di politica economica o estera.

Questo perché, negli anni, abbiamo ceduto parte della nostra sovranità in determinate materie, al fine di coordinare e cooperare assieme ad altri 27 stati, per vivere potenzialmente in pace ed in prosperità.

Ma come si è arrivati alla nascita dell’Unione Europea?

Gli albori vanno rintracciati già negli anni successivi al secondo conflitto mondiale, quando il Belgio, la Francia, la Germania, l’Italia, il Lussemburgo e i Paesi Bassi iniziarono ad unirsi nella Comunità europea del carbone e dell’acciaio. Nel 1957, il trattato di Roma istituisce invece la Comunità economica europea (CEE), o “Mercato comune”.

Gli anni successivi furono di grande crescita e sviluppo, grazie anche al libero transito, tra i paesi, di merci, persone e capitali. Con l’adesione della Danimarca, dell’Irlanda e del Regno Unito il 1° gennaio 1973, il numero degli Stati membri dell’Unione europea sale poi a nove.

Ma gli anni Novanta, dopo il crollo del comunismo e del muro di Berlino, quelli più importanti, quelli dove si consolidano le istituzioni europee e quelle che vedono venire alla luce due importanti trattati: il trattato di Maastricht sull’Unione europea (1993) e il trattato di Amsterdam (1999).

Nel 1995 aderiscono all’UE inoltre tre nuovi Stati membri: Austria, Finlandia e Svezia. Nel 2004 c’è invece l’adesione all’UE di ben 10 nuovi Stati membri, seguiti da Bulgaria e Romania nel 2007. Nel 2013 la Croazia diventa il 28º Stato membro dell’UE.

È stato comunque il Trattato di Lisbona del 13 dicembre 2007 (in vigore dal 1° novembre 2009) a modificare sia il Trattato sull’UE, sia quello istitutivo della Comunità Europea (CE), sostituendo l’Unione Europea alla Comunità Europea, quale organizzazione internazionale successore della CE, dotata di personalità giuridica (artt. 1 e 47 del Trattato).

L’Unione, che ha competente esclusive in numerosi settori tra cui la politica monetaria e quella estera, si struttura oggi in 5 principali istituzioni: il Consiglio europeo, il Consiglio dell’Unione Europea, la Commissione europea; la Corte di giustizia dell’Unione Europea, il Parlamento europeo, o Europarlamento.

Loading...
Potrebbero interessarti

Bolzano, uomo fermato mentre camminava nudo sull’autostrada

Sulle autostrade del nostro paese ci si aspetta di trovare nebbia, ghiaccio,…

Matteo Renzi, l’Italia crede nella ripresa

Per il Presidente del Consiglio Matteo Renzi “il clima è cambiato e…