Usa, sulle tavole arriva il salmone geneticamente modificato

Le polemiche sono impazzate per oltre 5 anni oltreoceano, ma dopo ricerche e dibattiti accesi tra i principali luminari in materia, la conferma e l’autorizzazione è arrivata: arriva sulle tavole degli americani il supersalmone Biotech, il primo animale geneticamente modificato ad essere messo in vendita nei supermercati  Usa.

Il salmone transgenico è stato messo a punto dalla società AquaBounty Technologies di Boston, nello Stato del Massachusetts. Il ‘via libera’ arriva dopo anni di polemiche. Il nuovo pesce è una sorta di salmone Atlantico cui è stato iniettato un gene del salmone Chinook del Pacifico per fare in modo che cresca più velocemente: raggiunge le dimensioni di un adulto in 16/18 mesi, invece che nei consueti due anni e mezzo.

L’approvazione è stata effettuata dalla Food and Drug Administration (FDA), l’agenzia governativa statunitense che si occupa di controllare il mercato del cibo e dei farmaci, dopo un processo di revisione che, come detto, è durato anni.

Dopo anni di analisi e studi, i ricercatori interpellati dalla FDA hanno concluso che il primo salmone OGM non costituisce un pericolo né per gli ambienti marini né per i consumatori. Da un punto di vista prettamente formale, inoltre, il salmone OGM è da considerarsi comunque salmone atlantico, perché le modifiche per farlo crescere più rapidamente e con meno cibo non cambiano le caratteristiche della sua carne né altri parametri.

Next Post

E’ lo stress la prima causa del diabete urbano

La vita diviene sempre più frenetici, per adulti e bambini, e si sa che ritmi serrati e stress non portano certo vantaggi per la salute. Tra le tante patologie che lo stress può causare vi è ora anche annoverato il cosiddetto diabete “urbano”:  il diabete infatti è in aumento nelle […]