Vittorio Sgarbi: che furto, 500mila euro

Dopo lo spiacevole problema cardiaco, che lo ha costretto anche ad un’operazione, Vittorio Sgarbi sembrava essersi ripreso definitivamente, annunciando anche l’intenzione di candidarsi come sindaco, addirittura di Milano.

Ma una nuova tegola si abbatte sul critico d’arte, che a quanto pare ha subito un furto nella sua villa. Nello specifico, una denuncia di furto ai carabinieri di Ferrara è stata presentata da Sgarbi per la sparizione di alcune opere della sua collezione privata. La segnalazione riguarda alcuni libri antichi, manoscritti e disegni del valore stimato oltre 500 mila euro, custoditi nella villa museo familiare di Vittorio Sgarbi a Ro Ferrarese, opere che non lo studioso non trova più da diverso tempo e che, quindi, ritiene gli siano state rubate.

Su quando possa essere avvenuto il furto, Sgarbi non ha certezza. È invece sicuro di che cosa manchi dalla sua collezione nel Ferrarese. Si tratta di diverse opere, tra cui spicca un disegno a carboncino e gessetti di Giovanni Battista Piazzetta, che raffigura San Giuseppe con il bambinello, tornata da una retrospettiva nel novembre 2014 a Città del Messico.

Le indagini del reparto operativo di Ferrara, a cui collabora il Gruppo tutela patrimonio culturale dei Carabinieri, hanno già effettuato un sopralluogo nell’abitazione alle ricerca di eventuali tracce o impronte.

Next Post

Sophia Loren testimonial di Dolce e Gabbana: "Non sono una che metti nell’angolo"

Sophia Loren, a 81 anni per la regia di Giuseppe Tornatore e con le musiche di Ennio Morricone, ha girato un corto per il lancio di un profumo e di un rossetto che porta il suo nome, entrambi a marchio Dolce&Gabbana. Un caso più unico che raro: “sono cose che possono […]