WhatsApp, dal 30 giugno sparirà dagli smartphone obsoleti

Purtroppo, per chi è affezionato al proprio smartphone un po’ vecchiotto, o per chi semplicemente non segue le mode e preferisce utilizzare il proprio device mobile fino alla fine naturale dei suoi giorni, c’è una brutta notizia: dopo che già nei mesi scorsi alcuni modelli avevano smesso di supportarlo, a breve altri molti modelli di smartphone obsoleti non permetteranno più di utilizzare WhatsApp.

Non un dramma, certo, ma è indubbio che WhatsApp è una delle applicazioni di messaggistica istantanea tra le più famose e utilizzate al mondo,e da quando è stata acquistata da Facebook, è stata capace di evolversi e di attirare ancora più utenza, che nella stragrande maggioranza dei casi è soddisfattissima dei servizi resi, per di più in maniera gratuita.

Nello specifico, l’azienda ha deciso di aggiungere, dal prossimo 30 giugno, alla “lista nera” altri dispositivi che potrebbero entrare in contrasto con l’applicazione, non permettendo più di utilizzarla.
Secondo quanto comunicato, sarebbe inutile stilare una vera e propria lista dei dispositivi che non saranno più in grado di supportare l’applicazione ed i suoi aggiornamenti, ma viene consigliato di utilizzare un sistema operativo Android aggiornato almeno alla versione 2.3.3 e, per i possessori di iPhone o di telefoni con sistema operativo Windows, di aggiornare il proprio SO alle versioni iOS7 e Windows 8.

In linea di massima, però, la “lista nera” delle piattaforme coinvolte comprende BlackBerry OS e BlackBerry 10, Nokia S40 e Nokia Symbian S60. All’inizio dell’anno l’applicazione aveva mandato in pensione invece le versioni Android precedenti a 2.3.3, Windows Phone 7 e iPhone 3GS/iOS 6.

Di fatto, quindi, chi usa Whatsapp con uno di questi smartphone sarà obbligato ad acquistare un nuovo smartphone se vorrà continuare a usare WhatsApp.

Per chi preferisce tenersi stretto il proprio smartphone, per fortuna non mancano le alternative: da Telegram a Viber, passando per Line, Signal e Threema, sono tante le applicazioni concorrenti, anche se a detta dei più la sicurezza e la performatività che offre WhatsApp è una chimera irraggiungibile per la maggior parte di queste app.

Next Post

Addio all'attore Stephen Furst, interprete di Animal House e Babylon 5

Se il 2016 è stato un anno terribile quanto a perdite, per il cinema e la televisione, neppure questo 2017 risparmia lutti: in queste ore è infatti scomparso, a 63 anni, l’attore Stephen Furst, noto soprattutto per il personaggio di Kent Dorfman nel film Animal house con John Belus. La […]