Whatsapp, le truffe viaggiano sui messaggi

Eleonora Gitto

Sono tante le truffe che circolano su Whatsapp sulla piattaforma di messaggistica istantanea: ecco come difendersi.

Molti utenti denunciano di aver ricevuto un messaggio che annuncia di aver vinto un buono acquisto da 150 euro da utilizzare in alcuni Store.

In questi giorni arrivano i buoni per gli Store Zara, fino a qualche giorno fa un messaggio simile indirizzava vero gli Store H&M.

Ovviamente si tratta di truffe, perciò è bene fare attenzione. Ecco qualche dritta per difendersi da questi pericolosi messaggi.

Intanto va spiegato come funziona il meccanismo perverso. Il messaggio che annuncia il buono sconto contiene anche un link su cui si viene invitati a cliccare.

E per invogliare a fare tale operazione, nonché renderla più veritiera, vi viene notificato che un vostro amico ha già ricevuto lo stesso sconto.

Una volta cliccato sul link presente nel messaggio si apre una pagina del browser web.

Qui è chiesto di rispondere a una sorta di questionario. Le domande sono del tipo “Quanto spesso acquisti da Zara?”; “Che abbigliamento preferisci?” e così via.

Completate le domande, il passaggio successivo dovrebbe essere di condividere il messaggio con dieci amici o tre gruppi entro un certo periodo altrimenti non si può accedere al buono.

Ma attenzione: finita la trafila voi non otterrete nessun buono acquisto ma l’iscrizione a un servizio a pagamento settimanale.

Perciò non cliccate mai link esterni che si ricevono via Whatsapp, soprattutto quando ci sono form da compilare per ottenere qualcosa.

Ricordate che in rete e no nessuno fa niente per niente e, soprattutto, nessuno regala nulla.

Next Post

Giuliana De Sio, cena affettuosa con un giovanissimo accompagnatore

Non è certo la prima donna matura ad apprezzare le “qualità” di ragazzi molto più giovani: da quando il tabù è stato sdoganato, diverse donne oltre gli “anta” si sono lasciate immortalare assieme ad accompagnatori spesso più giovani dei propri figli. Tra le dive nostrane, Lory De Santo ne ha […]