Cassazione, non serve intervento per il riconoscimento di genere

Angela Sorrentino

Una sentenza certamente storica, quella emessa dalla corte di Cassazione chiamata a decidere sul ricorso presentato dai legali di Rete Lenford-Avvocatura per i diritti Lgbt, che assistono una persona trans di 45 anni.

Per ottenere il cambio di sesso all’anagrafe non è più obbligatorio l’intervento di adeguamento degli organi sessuali:  la Cassazione sostiene che “la percezione di una disforia di genere determina l’esigenza di un percorso soggettivo di riconoscimento di questo primario profilo dell’identità personale né breve né privo d’interventi modificativi delle caratteristiche somatiche ed ormonali originarie. Il profilo diacronico e dinamico ne costituisce una caratteristica ineludibile e la conclusione del processo di ricongiungimento tra ‘soma e psiche’ non può, attualmente, essere stabilito in via predeterminata e generale soltanto mediante il verificarsi della condizione dell’intervento chirurgico”.

La donna si era rivolta al tribunale di Piacenza e alla corte d’appello di Bologna per ottenere la rettificazione dello stato civile in assenza dell’intervento chirurgico: richiesta  respinta due volte.

Per la presidente dell’associazione avv. Maria Grazia Sangalli la Cassazione ha chiarito che “l’intervento chirurgico di riassegnazione – quando non è frutto di una scelta personale – è uno strumento lesivo dell’integrità fisica e della dignità umana”.

Next Post

Samsung presente i nuovi Galaxy Tab S2, i più sottili al mondo

La casa coreana Samsung ha finalmente soddisfatto l’attesa della sua esigente utenza e ha presentato i nuovissimi Samsung Galaxy Tab S2: considerati dei veri e propri top di gamma, il colosso coreano fa molto affidamento su di essi per cercare di contrastare non solo gli iPad di Apple ma anche […]