Dieta: la pasta aiuta a perdere peso
Cibo e tumori ecco quali alimenti vanno limitati o eliminati

La maggior parte delle persone pensa che mangiare la pasta contribuisca ad un aumento di peso, uno studio recente ha esattamente provato il contrario, ed a quanto pare, secondo anche precedenti studi, non sembra essere una grossa novità, partiamo però da alcune considerazioni:

Indice glicemico: di cosa si tratta

L’indice glicemico, o indice gastrointestinale, classifica gli alimenti che contengono carboidrati con una scala da 0-100 indicando quando aumentano i livelli di zucchero nel sangue dopo avere mangiato determinati alimenti, più alto è il GI, più veloce e più alto è l’aumento della concentrazione di glucosio nel sangue.

Gli alimenti classificati con un basso indice glicemico hanno un IG inferiore a 55. Gli alimenti a medio termine sono classificati tra 55-70, mentre quelli con un IG superiore a 70 hanno un indice GI alto.

La pasta ha un IG inferiore come il pane multicereale, fiocchi d’avena, mele, arance, patate dolci, mais dolce, lenticchie, ceci, latte e anacardi. Alimenti ad alto indice glicemico includono pane bianco, fiocchi di mais, riso al gelsomino, patate, anguria e cracker di riso.

Mangiando più frequentemente gli alimenti dall’elenco delle IGG più basse rispetto a quelli sulla lista GI medio/alta, porta a un modello alimentare generale con un valore GI medio più basso, si ritiene che ciò sia importante in termini di regolazione degli zuccheri nel sangue e dell’appetito, in particolare per le persone con diabete di tipo 2 e per coloro che sono in sovrappeso o obesi.

Pasta: uno studio lo dimostra

L’ultimo studio pubblicato, contiene in pratica una revisione combinando un numero di studi già pubblicati che rispondono a una domanda simile per generare una conclusione generale. In questo caso, i ricercatori hanno analizzato i risultati di 29 studi randomizzati controllati negli adulti in cui le diete, compresa la pasta (alimento principale), sono state confrontate con un altro tipo di dieta.

Gli studi esaminati hanno evidenziato l’impatto del consumo di pasta sul peso corporeo e altri indicatori della composizione corporea, comprese le modifiche del grasso corporeo, circonferenza della vita, rapporto vita-fianchi, diametro addominale e indice di massa corporea (BMI). Gli studi sono durati per una media di 12 settimane e hanno incluso 2.448 partecipanti.

Questa recensione originariamente si proponeva di vedere se mangiare più pasta, indipendentemente da ciò che si stava mangiando, modificava il peso corporeo, tuttavia, i ricercatori non hanno trovato studi che hanno testato se mangiare più pasta ha avuto un impatto sul peso corporeo. Tutti gli studi inclusi nella revisione hanno esaminato l’effetto del consumo di pasta come parte di una prescrizione dietetica complessiva per seguire una dieta a basso indice glicemico.

Che le diete a base di pasta testate fossero, infatti, le diete a basso indice glicemico sono una delle principali misure per interpretare i risultati. Ciò significa che i gruppi di diete che contemplavano il consumo di pasta, includevano persone che seguivano uno schema alimentare con un IG basso complessivo.

Pasta contribuisce alla nostra dieta: risultati

Pasta contribuisce alla nostra dieta risultati

I risultati principali, della revisione effettuata sugli studi, sono stati che mangiare pasta era associato a una maggiore riduzione media del peso corporeo di circa 630 grammi e una riduzione del BMI di 0,26 kg/mq in più nei gruppi di persone che mangiavano pasta rispetto ai controlli. Non c’erano differenze significative tra i gruppi quando si trattava di altri indicatori di peso corporeo o composizione corporea.

Gli autori hanno concluso che mangiare la pasta nel contesto di modelli dietetici a basso indice glicemico, non influisce negativamente sul grasso corporeo riducendo, anzi, il peso corporeo e l’indice di massa corporea, rispetto ai modelli alimentari GI più elevati.

La quantità di perdita di peso era simile (con una media di 630 grammi in più nel gruppo che consuma pasta / basso IG) negli studi che duravano meno di 24 settimane, rispetto a quelli che duravano più a lungo (in media 570 grammi in più per la pasta nei gruppi GI basso). Quando il sottogruppo di studi è stato esaminato in quelli con diabete di tipo 2 o adulti con sovrappeso o obesità, i risultati sono stati simili.

Questo è importante perché significa che le persone in queste categorie possono mangiare e gustare la pasta senza compromettere il loro stato di peso.

Dieta: la quantità di pasta da consumare

Ci sono stati solo 11 studi in cui è stata quantificata la quantità di pasta consumata e gli autori non hanno riportato come i dati sull’assunzione alimentare sono stati estratti da questi studi per essere convertiti in tabelle dietetiche. Questi dati sull’assunzione di pasta sono una potenziale fonte di errore..

Il numero medio di porzioni di pasta negli studi è stato segnalato come 3,3 a settimana, per un periodo che va da circa due a sette a settimana. In questo gruppo di studi, la perdita di peso medio era di 700 grammi in più nella pasta che mangiavano i gruppi a basso IG rispetto ai gruppi a IG più alti.

Da notare che l’apporto medio di pasta nei gruppi di pasta non era molto alto. La media di 3,3 equivale a solo 1,7 piatti di pasta cotta a settimana, che variano da 0,9-3,5 piatti. Nelle prove dove c’era anche determinate restrizioni, l’assunzione di pasta mediana era di 2,3 porzioni (1,2 piatti) a settimana.

Gli autori hanno anche valutato se ci fosse un effetto quantità-risposta per mangiare la pasta. Ciò significa che hanno controllato se quelli che mangiavano più pasta, hanno perso più peso. La risposta era no, non c’era nessun effetto quantità-risposta.

Dieta: la pasta aiuta a dimagrire? Il verdetto

Quindi la conclusione di questo studio potrebbe tranquillamente affermare che seguire una dieta a basso indice glicemico riduce il peso corporeo e l’IMC rispetto ad una dieta ad alto indice glicemico, seguendo dunque una dieta a basso indice glicemico non vi sono effetti negativi sulla composizione corporea.

Gli autori suggeriscono, comunque, che sono necessari studi futuri per valutare l’effetto del mangiare la pasta per periodi di tempo più lunghi e nel contesto di altri modelli dietetici “sani”. Nel complesso, tuttavia, valutazioni rigorose come quelle attuali sono più che validi nell’aiutare a dissipare i miti della dieta, in particolare quelli legati ai carboidrati.

 

Fonte@TheConversation

Potrebbero interessarti

Calvizie, risultati incoraggianti con il trattamento PRP

L’Alopecia androgenetica, più conosciuta come calvizie, è una tipologia di perdita di capelli…

Dieta del finocchio, come perdere qualche chilo prima delle feste

Mancano ormai solo un paio di settimane all’inizio delle festività natalizie e,…

Pfizer, un altro colosso abbandona la ricerca di farmaci per l’Alzheimer

Le malattie neurodegenerative sono un insieme variegato di malattie del sistema nervoso centrale, accomunate da un…

Alcol, ragazzina in coma etilico a soli 13 anni

È possibile, a solo tredici anni, abusare talmente di alcol da ridursi…