Fascite necrotizzante, bambino ucciso dai batteri mangia-carne

Si può morire a soli otto anni per una caduta dalla bici?

A quanto pare sì, e non solo per un trauma cranico o un colpo violento subito: un bambino americano è morto a causa di un batterio mangia-carne.

Liam Flanagan, bimbo di 8 anni, è deceduto al Doernbecher Children’s Hospital di Portland: a raccontare la terribile storia del piccolo è la madre Sara Hebard, distrutta per quanto accaduto al figlioletto, stroncato nel fiore dell’età.

Il ragazzino stava andando in bicicletta nel vialetto di casa a Pilot Rock, nello Stato dell’Oregon, quando è caduto e si è ferito all’inguine con il manubrio: un incidente di quelli che ai bambini di otto anni capitano facilmente, eppure il piccolo, dopo otto giorni di calvario, è morto domenica scorsa, ucciso da un batterio mangiacarne.

La madre lo ha accompagnato al pronto soccorso di Pandleton perché la ferita sembrava profonda, i medici hanno ricucito il taglio con sette punti di sutura e tutto sembrava essere finito così. Pochi giorni dopo però Liam ha cominciato a lamentare forti dolori e la ferita è diventata rosso porpora e si è gonfiata.

Fascite necrotizzante bambino ucciso dai batteri mangia-carne

I genitori lo hanno riportato in ospedale, dove è stata dichiarata la diagnosi infausta: fascite necrotizzante, malattia letale nel 30% dei casi.

Il bambino è stato sottoposto a 4 interventi, dove gli sono stati imputati anche il braccio e la gamba destri, ma purtroppo si sono rivelati inutili. Liam è morto perché l’infezione era troppo aggressiva e i medici non hanno saputo come fermarla in tempo.

«Quasi tutta la parte destra di mio figlio era sparita – racconta al Dailymail la madre sconvolta – e i medici continuavano a tagliare e a sperare. Voglio che i genitori siano vigili su tagli , sporco, ferite e sul processo di guarigione dopo i punti perché non voglio che una cosa così terribile capiti ad altri bambini».

Ricordiamo che per fascite necrotizzante si intende una forma particolare e rara di infezione degli strati profondi della pelle e dei tessuti sottocutanei, che si espande rapidamente attraverso la componente molle del tessuto connettivo che permea il corpo umano (fascia).

La malattia, di natura batterica, si sviluppa in modo rapido e aggressivo e, se non viene trattata al più presto, evolve in una lesione cutanea, accompagnata da effetti vistosi quali bolle, vescicole e trombosi capillare, seguiti da necrosi dei tessuti sottocutanei, shock settico e morte.

I batteri interessati sono soprattutto: streptococchi del Gruppo A, Vibrio vulnificusClostridium perfringensBacteroides fragilis. Tra questi, gli streptococchi del Gruppo A (noti anche come Streptococcus pyogenes, responsabili del comune mal di gola) sono la causa più frequente. I batteri della fascite necrotizzante vengono spesso chiamati batteri mangia-carne. Questa è in realtà una definizione impropria, perché in realtà i batteri non si nutrono del tessuto, bensì ne causano la distruzione e la decomposizione mediante il rilascio di tossine.

Il tasso di mortalità della fascite necrotizzante si aggira intorno al 73%; le possibilità di sopravvivenza variano drasticamente a seconda della tempestività dell’intervento.

Laureanda, content writer professionista, in attesa di patentino giornalista pubblicista, si occupa principalmente di contenuti legati alla sanità italiana e alla tecnologia.

Potrebbero interessarti

Da oltre 30 anni la carne finisce ciclicamente sotto accusa

Se quello dell’organizzazione mondiale della sanità era un avvertimento, un modo per…

Torino, primo trapianto di reni da sveglio

Torino. Per la prima volta in Italia, è stato trapiantato un rene…

Eterologa, violata la privacy dei donatori

Una vicenda complessa, che ha già alzato un polverone e che rischia…

Camminata, 100 passi al minuto per mantenersi in salute

L’importante è non stare fermi: la vita sedentaria, come gli esperti ricordano,…