Fascite necrotizzante, bambino ucciso dai batteri mangia-carne

Si può morire a soli otto anni per una caduta dalla bici?

A quanto pare sì, e non solo per un trauma cranico o un colpo violento subito: un bambino americano è morto a causa di un batterio mangia-carne.

Liam Flanagan, bimbo di 8 anni, è deceduto al Doernbecher Children’s Hospital di Portland: a raccontare la terribile storia del piccolo è la madre Sara Hebard, distrutta per quanto accaduto al figlioletto, stroncato nel fiore dell’età.

Il ragazzino stava andando in bicicletta nel vialetto di casa a Pilot Rock, nello Stato dell’Oregon, quando è caduto e si è ferito all’inguine con il manubrio: un incidente di quelli che ai bambini di otto anni capitano facilmente, eppure il piccolo, dopo otto giorni di calvario, è morto domenica scorsa, ucciso da un batterio mangiacarne.

La madre lo ha accompagnato al pronto soccorso di Pandleton perché la ferita sembrava profonda, i medici hanno ricucito il taglio con sette punti di sutura e tutto sembrava essere finito così. Pochi giorni dopo però Liam ha cominciato a lamentare forti dolori e la ferita è diventata rosso porpora e si è gonfiata.

Fascite necrotizzante bambino ucciso dai batteri mangia-carne

I genitori lo hanno riportato in ospedale, dove è stata dichiarata la diagnosi infausta: fascite necrotizzante, malattia letale nel 30% dei casi.

Il bambino è stato sottoposto a 4 interventi, dove gli sono stati imputati anche il braccio e la gamba destri, ma purtroppo si sono rivelati inutili. Liam è morto perché l’infezione era troppo aggressiva e i medici non hanno saputo come fermarla in tempo.

«Quasi tutta la parte destra di mio figlio era sparita – racconta al Dailymail la madre sconvolta – e i medici continuavano a tagliare e a sperare. Voglio che i genitori siano vigili su tagli , sporco, ferite e sul processo di guarigione dopo i punti perché non voglio che una cosa così terribile capiti ad altri bambini».

Ricordiamo che per fascite necrotizzante si intende una forma particolare e rara di infezione degli strati profondi della pelle e dei tessuti sottocutanei, che si espande rapidamente attraverso la componente molle del tessuto connettivo che permea il corpo umano (fascia).

La malattia, di natura batterica, si sviluppa in modo rapido e aggressivo e, se non viene trattata al più presto, evolve in una lesione cutanea, accompagnata da effetti vistosi quali bolle, vescicole e trombosi capillare, seguiti da necrosi dei tessuti sottocutanei, shock settico e morte.

I batteri interessati sono soprattutto: streptococchi del Gruppo A, Vibrio vulnificusClostridium perfringensBacteroides fragilis. Tra questi, gli streptococchi del Gruppo A (noti anche come Streptococcus pyogenes, responsabili del comune mal di gola) sono la causa più frequente. I batteri della fascite necrotizzante vengono spesso chiamati batteri mangia-carne. Questa è in realtà una definizione impropria, perché in realtà i batteri non si nutrono del tessuto, bensì ne causano la distruzione e la decomposizione mediante il rilascio di tossine.

Il tasso di mortalità della fascite necrotizzante si aggira intorno al 73%; le possibilità di sopravvivenza variano drasticamente a seconda della tempestività dell’intervento.

Angela Sorrentino

Laureanda, content writer professionista, in attesa di patentino giornalista pubblicista, si occupa principalmente di contenuti legati alla sanità italiana e alla tecnologia.

Potrebbero interessarti

Con una mela annurca via al problema della calvizie

Una mela al giorno leva il medico di torno? di solito i…

Epidurale, OMS: ne hanno diritto tutte le donne

L’anestesia epidurale o peridurale è una modalità di anestesia loco-regionale che prevede la somministrazione di farmaci anestetici…

Contraccezione, un nuovo gel come alternativa al profilattico

Per contraccezione si intende l’insieme dei metodi atti a prevenire il concepimento.…

Allarme abbandono neonati in Italia, un bambino a settimana non è riconosciuto dalla mamma

“Il fenomeno è sicuramente più ampio di quanto riportato nelle cronache”. Sono…