Fiorello ha deciso di chiudere la sua Edicola Fiore

Una notizia che francamente ci giunge inaspettata e che ci lascia perplessi: del resto ci eravamo abituati a vederlo al “bar”, coi suoi amici di sempre, a commentare politica, news ed attualità.

Ma certamente non ci dispiace sapere che il suo non è un addio al mondo dello spettacolo, ma anzi un graditissimo ritorno alle origini: Fiorello ha infatti deciso di tornare a fare varietà.

Il poliedrico artista ha infatti annunciato che non riprenderà la pluripremiata Edicola Fiore su Sky: cambierà rotta, si dedicherà a una nuova trasmissione radio social su Instagram e Facebook e sta pensando di tornare prossimamente in tv con il varietà, ma in seconda serata.

Fiorello del resto ci ha abituato ad uscire di scena proprio quando il pubblico più lo reclamava. Lo ha fatto in teatro, lo ha fatto ai tempi di Viva Radio2 quando il programma era un vero e proprio cult e lo ha fatto anche con il suo ultimo varietà, andato in onda su Rai1, #ilpiu’grandespettacolodopoilweekend quando, dopo quattro puntate, la rete lo pregava di continuare.

E stavolta ha scelto di dire addio alla sua ultima creatura plasmata con amore e tanta pazienza: Edicola Fiore. «Ho bisogno di nuovo stimoli», spiega lo showman ai microfoni dell‘Ansa, parlando del suo futuro professionale con una lucidità disarmante.

« Felice per il Premio Satira alla Carriera, che mi sarà consegnato il 16 settembre a Forte dei Marmi. Quando ti danno un premio alla carriera pensi due cose: che sei vecchio e che, perlomeno, una carriera l’hai avuta. Come le auto d’epoca, noi che abbiamo una certa età dobbiamo andare piano, non possiamo rincorrere i giovani, abbiamo bisogno di essere accarezzati», racconta Fiorello.

«Mi regalerò un grande show, quello che il mio pubblico sta aspettando da tempo e che, forse, sarà l’ultimo perché ho già 57 anni», promette a chi gli ha sempre chiesto di tornare.

Nel futuro di Fiorello c’è quindi ancora la televisione con un varietà di seconda serata che probabilmente si chiamerà L’Ora del Rosario, ma riprenderà anche l’esperimento su Instagram e Fb della social radio Alzabandiera, che andrà in onda al mattino verso le 8 con lui da solo, senza spalla, immerso nella musica e nelle discussioni sui temi caldi.

Sarà però meno presente sui social, proprio lui che è stato pioniere di Twitter in Italia, con uno show che aveva l’hashtag anche nel titolo: “Un po’ mi hanno deluso per i toni e la violenza. Anche noi personaggi abbiamo esagerato con le immagini e con la condivisione del privato. C’è bisogno di recuperare privacy, immaginazione e di lasciare un po’ di mistero…”.

Next Post

Venezia, “Mother!” è stato fischiato dalla critica

Ben poche pellicole erano attese come questa, e forse proprio per questo il flop è stato ancora più clamoroso: sono infatti arrivati addirittura i fischi alla Mostra del cinema di Venezia per “Mother!” di Darren Aronofsky, regista che vinse il Leone d’oro nel 2008 con The Wrestler. La pellicola, per usare una […]
mostra venezia mother fischiato