Gwyneth Paltrow soffre con l’apiterapia pur di mantenersi giovane

Chi bella vuol apparire, un po’ deve soffrire: più o meno suona cos’ un vecchio detto ripetuto dalle nostre nonne e ancora condiviso da molte, ma forse preso fin troppo alla lettera da Gwyneth Paltrow.

La bella attrice non mostra affatto la sua età, radiosa e forse ancora più bella di quanto lo era agli esordi, eppure anche lei teme i segni dell’età, e negli anni le ha provate tutte per preservare la bellezza del corpo e l’elasticità della pelle.

L’attrice, alla ricerca dell’elisir di eterna giovinezza, ha ammesso di essere disposta a sentire molto dolore in nome della bellezza, a tal punto da lasciarsi pungere dalle api.

In un’intervista con il New York Times, la 43enne premio Oscar ha raccontato: “Sono aperta a qualsiasi cosa. Sono stata punta dalle api. E’ un trattamento vecchio migliaia di anni chiamato apiterapia. La gente lo usa per sbarazzarsi delle infiammazione e cicatrici. In realtà è abbastanza incredibile se si ricerca. Ma, cavolo se è doloroso”.

Eccellente alternativa al botox e priva di sostanze chimiche, l’apiterapia distenderebbe i tessuti del corpo facendo diminuire gli inestetismi del tempo.

La Paltrow ha anche rivelato che continua a seguire una dieta ferrea e a praticare tanto sport, ma di non essere così rigida come in passato sul tema cibo, seguendo oggi un’alimentazione meno rigorosa, inserendo carboidrati e persino l’alcol: «È bello mangiare cibi nutrienti e biologici. È bello anche bere vodka e mangiare patatine fritte. Però invecchiando il metabolismo si rallenta e se vuoi essere in forma, devi stare attenta. Tuttavia, ciò mi preoccupa meno che in passato».

Next Post

Videoricetta francese della carbonara, il popolo del web in rivolta

Un video dedicato alla pasta Barilla, del canale  YouTube di Demotivateur, creato dai francesi per i francesi, ma con una ricetta italiana: la pasta alla carbonara, o meglio, un pessimo tentativo di prepararla. C’è da dire, a onor del vero, che nella clip non viene affatto menzionato il nome del piatto, […]