Incredibile mistero della pietra nera tornata dallo spazio

VEB

Un’incredibile scoperta scientifica è stata fatta nel 2018 in Marocco, quando una pietra nera unica ha attirato l’attenzione dei ricercatori. Questo straordinario reperto, noto come “NWA 13188“, potrebbe essere il primo meteorite documentato ad aver lasciato la Terra e poi fare ritorno. Il suo viaggio insolito nello spazio solleva numerose domande affascinanti.

Incredibile mistero della pietra nera tornata dallo spazio
Foto@Pixabay

L’aspetto di NWA 13188, con la sua struttura e una composizione chimica simile ai minerali fusi formati durante eruzioni vulcaniche dei vulcani sottomarini, suggerisce che potrebbe aver avuto origine proprio qui sulla Terra. Sorprendentemente, gli isotopi dell’ossigeno e gli oligoelementi trovati in questa roccia non corrispondono a quelli tipici dei meteoriti. Jerome Gattachek, un geofisico del Centro nazionale francese per la ricerca scientifica, ha presentato i risultati delle ricerche condotte dal suo team durante una conferenza sulla geochimica. Secondo le loro scoperte, la concentrazione di elio-3, berillio-10 e neon-21 nella pietra può essere spiegata solo dall’interazione con i raggi cosmici, che normalmente sono bloccati dal campo magnetico terrestre. Questo suggerisce che la roccia abbia trascorso un considerevole periodo di tempo in orbita, esposta ai raggi cosmici galattici.

La straordinaria pietra, NWA 13188, presenta anche una “crosta fusa” vetrosa, suggerendo che si sia parzialmente liquefatta durante il suo ingresso nell’atmosfera terrestre. Questi dettagli hanno portato Gattachek e il suo team a concludere che questa roccia è, senza dubbio, un autentico meteorite che ha lasciato la Terra per poi rientrare nella sua superficie. Tuttavia, l’origine esatta di questa misteriosa roccia terrestre finita nello spazio rimane ancora un enigma.

Un’ipotesi plausibile suggerisce che la pietra potrebbe essere stata espulsa durante un’eruzione vulcanica o catapultata nello spazio a seguito di una collisione con un altro meteorite. Tuttavia, sorge la questione su come sia riuscita a lasciare la Terra e ad entrare in orbita. Gli scienziati sottolineano che, per raggiungere l’orbita, la pietra avrebbe dovuto spostarsi a una velocità di decine di migliaia di chilometri all’ora. Tuttavia, l’altezza raggiunta dai pilastri vulcanici di solito non supera i 45 chilometri dalla superficie terrestre, quindi è altamente improbabile che i vulcani possano scagliare una pietra nello spazio. Pertanto, è possibile che una collisione con un altro oggetto spaziale abbia causato la sua espulsione nello spazio profondo.

Questa scoperta suscita grande interesse tra gli scienziati di tutto il mondo, che cercano di risolvere l’enigma dell’origine di NWA 13188 e dei suoi eccezionali viaggi interplanetari. L’analisi continua delle sue caratteristiche chimiche e delle tracce cosmiche che porta con sé potrebbe fornire ulteriori indizi sulla storia di questa pietra straordinaria. A ogni modo, NWA 13188 rappresenta un prezioso tesoro di conoscenza che apre nuove prospettive per la ricerca spaziale e per la comprensione dei processi geologici sulla Terra.

Next Post

Dove non devi poggiare la scopa per non attirare la sfortuna

La scopa, oggetto semplice ma intriso di superstizioni e credenze popolari, può suscitare curiosità su dove non dovrebbe essere posizionata. Alcuni credono che l’energia positiva o negativa possa dipendere dal luogo in cui viene riposta. Mentre l’aspirapolvere ha ormai preso il sopravvento, ci sono ancora coloro che preferiscono conservare una […]
Dove non devi poggiare la scopa per non attirare la sfortuna

Possono interessarti