Ius Soli, nuovi criteri per ottenere la cittadinanza italiana

Se a livello europeo qualcosa si sta muovendo finalmente per garantire accoglienza a migranti, profughi e rifugiati, il problema della cittadinanza, per le seconde generazioni, per coloro che nascono in Italia, è a un impasse da anni ormai, ed ogni passo avanti è ostacolato da più parti.

Proprio delle ultime ore è la notizia di un primo via libera alla riforma della cittadinanza: è stato sbloccato  in commissione Affari costituzionali della Camera il cosiddetto ” ius soli “, grazie a un accordo tra la maggioranza, ma con ancora troppe opposizioni.

L’opera di mediazione è stata condotta dalla deputata del Pd Marilena Fabbri: a lei il compito di portare in aula quello che già era stato ribattezzato «Ius soli temperato», perché non la semplice nascita (come accade negli Stati uniti, ad esempio), ma la nascita più il rispetto di determinati parametri, permette di ottenere la cittadinanza.

“Ci siamo accordati sull’introduzione del obbligo di almeno cinque anni di frequenza di un ciclo scolastico per i minori che richiedono la cittadinanza italiana. Si tratta di una richiesta di Sc. Ed abbiamo deciso, su suggerimento di Ncd, di introdurre tra i criteri per l’accettazione della domanda anche il possesso del permesso di soggiorno di lunga durata. Si tratta di due criteri coerenti con il principio che prevede un radicamento in Italia della famiglia – spiega Khalid Chaouki, deputato del Pd- La frequenza dei minori a scuola è la migliore testimonianza del radicamento della famiglia sul territorio. Inoltre, è un titolo che già hanno numerosi migranti presenti in Italia. Parliamo di circa 800mila bambini. E’ una soluzione che va incontro alle richieste di tanti lavoratori in Italia e di tante associazioni”.

Il 28 è previsto l’arrivo in Aula per il testo base che modifica la legge 91 del 5 febbraio 1992.

1 comment
  1. Chi ha detto che chi nasce in Italia è italiano?
    Chi nasce in un qualsiasi paese non è cittadino di quel paese.
    Quelli che vogliono assumere la cittadinanza sono quelli che vogliono ottenere benefici pagati dagli italiani.
    Nessun americano che nasce in Italia sgomita per avere la cittadinanza italiana come nessun italiano che nasce in Marocco sgomita per diventare marocchino.
    Ognuno di voi abbia la spina dorsale e si tenga e si senta quello che è, se sei nato da genitori egiziani sei egiziano non italiano.

Comments are closed.

Potrebbero interessarti

Nel napoletano, torna a far discutere l’emergenza rifiuti

Sono arrivate anche le troupe di Striscia la Notizia a documentare in…

84enne chiede il divorzio perché insoddisfatta

L’episodio è accaduto a Scafati in provincia di Salerno, un episodio che…