La nuova frontiera della passione è il chemsex

Un tempo la seduzione era un gioco di sguardi, di carezze, di segnali nascosti o celati: oggi, in un mondo sempre più frenetico e meno attento, il sesso passa per la chimica, e anche la passione si accende attraverso l’uso e l’abuso di droghe, farmaci e alcol.

È la moda del «chemsex», il sesso chimico, nata fra gli omosessuali maschi, ma che si sta diffondendo nella popolazione etero: psicofarmaci, stimolanti e droghe per eliminare i freni inibitori, non stancarsi e aumentare il desiderio.

A lanciare il preoccupante allarme sono i ricercatori dell’Nhs Foundation Trust sul British Medical Journal, secondo i quali vengono assunte in maniera spropositata droghe come mefedrone, ghb, gbl e cristalli di metanfetamina con l’obiettivo di riuscire a fare sesso per ore, o addirittura giorni.

Per avere il quadro della dimensione del fenomeno, i ricercatori hanno esaminato i dati di uno studio europeo sugli uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini. Di 1142 risposte testate a Londra, quasi un quinto ha detto di aver fatto chemsex negli ultimi 5 anni, e un decimo nell’ultimo mese.

Il rischio, secondo i medici, oltre a tutti gli effetti che le droghe comportano a livello di organismo, è l’aumento della trasmissione del virus dell’Aids nonché il rischio di contrarre altre malattie infettive come la sifilide o il papillomavirus.

Next Post

L’ipertensione si combatte con latte e latticini ma scremati

Le patologie che colpiscono l’apparato cardiocircolatorio sono, ad oggi, una tra le principali cause di morte, in Italia, come nel resto del mondo. Complice un’alimentazione molto spesso scorretta, uno stile di vita eccessivamente sedentario e un abuso di grassi e colesterolo cattivo. Sempre più persone ogni anno vengono colpite da […]