Meteo, estate rovente in arrivo: sarà vero?
Meteo, estate rovente in arrivo: sarà vero?

L’estate 2016 dovrebbe far registrare un caldo da record: punte di 47 gradi si legge sul web. Ma sarà vero?

E’ possibile fare previsioni a lungo termine oppure i titoloni che allarmistici del tipo “estate rovente”; “caldo record”; “sarà l’estate più calda di sempre” servono solo per attirare l’attenzione e, quindi click?

La seconda ipotesi sembra essere la più veritiera. Non a caso gli esperti precisano che “quando si parla di previsioni stagionali si guarda subito alla distanza temporale.

Perciò quella che si può fare oggi è solo una previsione dettata da dati statistici, proiezioni o tendenze. Di sicuro non è una certezza.

In ogni caso dal centro meteo di Reading arriva una previsione di massima: nell’’estate 2016 forse ci saranno 1 o 2 gradi sopra la media in Spagna e su gran parte del Mediterraneo, compresa l’area centro-orientale.

Il caldo si farà sentire anche nell’Europa dell’Est e del Nord e dell’Est della Scandinavia. Centro e Ovest dell’Europa avranno temperature che rientrano nella media stagionale, così come il Portogallo, il Nord della Spagna, il Regno Unito, alcune zone della Germania centrale, il Nord della Francia e i Paesi Bassi.

Ma tutto questo resta in forse. Le previsioni meteorologiche sono sempre più attendibili ma solo sulla breve distanza.

Quelle a due-tre giorni sono affidabili all’80% come spiega la climatologa Marina Baldi dell’Istituto di Biometeorologia del Consiglio Nazionale delle Ricerche: “Grazie agli strumenti che i meteorologi hanno a disposizione oggi, le previsioni fatte a due o tre giorni di anticipo sono attendibilissime, oltre l’80%”.

Ma fare con la stessa certezza previsioni a lungo termine è praticamente impossibile. Le variabili sono tante, perciò l’attendibilità delle previsioni già a dieci giorni è pari a zero.

Gli sciamani delle previsioni che si divertono a giocare con titoloni non sanno quanto danno possono fare all’economia.

Non a caso il presidente di Confturismo Veneto Marco Michielli tempo fa ha lanciato un accorato appello: “Alla politica chiediamo provvedimenti, serve un’Authority che regoli i siti meteo commerciali e punisca gli abusi. Molti usano toni allarmistici che danneggiano la prima economia del Paese. E mettono in ginocchio migliaia di imprenditori e lavoratori, già indeboliti dalla crisi e dalle tasse”.

“Sia chiaro – continua – non ce la prendiamo con i meteorologi che svolgono seriamente la loro professione. Mettiamo in guardia dagli sciamani delle previsioni a 10 giorni e più, la cui attendibilità è pari a zero”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Marte, il Pianeta Rosso si avvicina alla Terra

Marte si avvicinerà molto alla Terra nelle prossime settimane, esattamente nel mese…

Blockchain, Htc primo smartphone basato su questa tecnologia

Per coloro che non masticano il linguaggio tecnico del settore potrebbe sembrare…