Ne uccide di più l’obesità o la solitudine? La ricerca

Eleonora Gitto

Ma ne uccide di più l’obesità o la solitudine? Questo l’oggetto di una ricerca che ha impegnato gli studiosi della Brigham Young University negli Stati Uniti

Come si fa per campare di più e magari un po’ meglio? Al giorno d’oggi, rispetto agli inizi del Novecento, campiamo quasi il doppio, vale a dire mediamente fra gli 80 e gli 85 anni.

Questo vuol dire in generale che, almeno nel mondo occidentale civilizzato, la qualità della vita è aumentata di molto, così come i progressi fatti dalla scienza medica. In particolare, in Italia, si vive più a lungo che in altri Paesi europei.

Segno di un sistema sanitario nazionale che, almeno fino a qualche anno fa, ha funzionato in maniera egregia, e segno soprattutto di un clima e di un’alimentazione decisamente buoni.

Non è un segreto che la dieta mediterranea sia una sorta di elisir di lunga vita. Se invece l’alimentazione è sbilanciata e tendiamo a diventare obesi, di là dalle fandonie del “grasso è bello”, di problemi se ne pongono molti e non indifferenti.

Non è un mistero che l’obesità è diventata uno dei nemici pubblici per molte popolazioni. Ma non è solo l’obesità a far paura, secondo recenti studi: l’isolamento sociale e la solitudine contribuiscono in maniera determinante al peggioramento delle condizioni di salute della gente.

Due nuovissime meta-analisi condotte dalla Brigham Young University negli Stati Uniti, hanno acclarato che la solitudine e l’isolamento sociale portano a un aumento del rischio di morte prematura di circa il 50%.

I dati sono stati analizzati e discussi al recente Congresso Nazionale degli Psicologi Americani, svoltosi a Washington. Intanto gli psicologi fanno una distinzione fra solitudine e isolamento sociale.

Mentre l’isolamento è la mancanza di contatto con gli altri individui, la solitudine viene definita come la condizione di chi è emotivamente disconnesso con gli altri. In sostanza una persona può sentirsi sola anche in presenza di altri individui.

Nel 2016 è stato svolto un sondaggio negli Stati Uniti, in base al quale il 75% delle persone ha dichiarato di essersi sentita sola a un certo punto della vita.

Fra questi, il 31% ha detto di aver provato questa condizione almeno una volta alla settimana. Il test è stato svolto su circa 2.000 cittadini.

Ma le meta-analisi non lasciano dubbi di sorta: chi intrattiene ottime relazioni sociali ha il 50% in meno di probabilità di morte prematura rispetto a chi è socialmente isolato. Vale a dire peggio di chi ha patologie come l’obesità o altre patologie cardiovascolari.

Next Post

Fedez, guadagni stellari e lo spettro delle droghe

Ore continua a ripetere di aver messo la testa a posto, e del resto a breve convolerà a nozze con la sua Chiara Ferragni, che ha chiesto in sposa in diretta nazionale all’Arena di Verona, ma nel suo passato non mancano certo scheletri, in primis tutte le esperienze fatte quando […]