RC Auto, dal 18 ottobre niente più tagliando sul parabrezza
RC Auto, dal 18 ottobre niente più tagliando sul parabrezza

Da domenica 18 ottobre 2015, decade l’obbligo di esporre il tagliando che certifica l’assicurazione RC Auto sul parabrezza.

Niente più esposizione del contrassegno assicurativo, dunque, ma rimane l’obbligo per il conducente di tenere a portata di mano il certificato rilasciato dall’assicurazione.

Per controllare se l’auto è coperta o no da assicurazione, da domani andrà a regime un nuovo sistema di controllo basato su una banca unica che raccoglie tutti i dati delle polizze assicurative.

La banca dati sarà gestita dalla motorizzazione Civile. Ad aggiornare i dati ci penseranno le stesse compagnie che avranno l’obbligo di comunicare alla banca in tempo reale tutte le informazioni su rinnovi o sulla stipula di nuove polizze.

Le verifiche si eseguiranno attraverso il numero di targa. In che modo? Con Targa System, un lettore elettronico in dotazione ai Vigili Urbani.

Con questo sistema ci si aspetta un rapido calo delle truffe ai danni delle assicurazioni. Negli ultimi tempi, infatti, sono cresciuti a dismisura i falsi tagliandi e gli autoveicoli che esibiscono certificati scaduti.

Con Targa System sarà difficile ricorrere a questi espedienti, perché se è vero che la targa è la carta di identità di un veicolo, è anche vero che tutto ciò che riguarda quel veicolo deve per forza risultare nella banca dati della Motorizzazione, assicura inclusa.

Il conducente che sarà sorpreso a guidare privo di copertura assicurativa, subirà la sospensione della patente, il sequestro del veicolo e multe salatissime:

  • veicoli con assicurazione scaduta: 841 euro e sequestro del veicolo;
  • veicoli con mancata revisione: 168 euro;
  • veicoli sottoposti a sequestro: 1998 euro.

Loading...
Potrebbero interessarti

Giornata Nazionale dell’Albero, attenzione rivolta ai “polmoni della Terra”

Il 21 novembre si celebra in Italia la Giornata Nazionale dell’Albero; un…

Smartphone, quanto fa male perdere delle foto?

È indubbio che il nostro smartphone è diventato oramai un prolungamento dei…