Sindrome Down: Integratori tè modellano la forma del viso

Redazione

La sindrome di Down è un difetto congenito causato dalla presenza di una terza copia in più del cromosoma 21. I geni su questo cromosoma sono sovraespressi, portando a disabilità fisiche e mentali. Uno di questi geni, DYRK1A, contribuisce all’interruzione dello sviluppo cerebrale e osseo nella sindrome di Down. La sostanza EGCG ( epigallocatechina-3-gallato ), che è presente negli estratti di tè verde, sopprime l’attività di una proteina, un enzima che viene espresso, diventa attivo, dal gene iperattivo DYRK1A.

Uno studio precedente in Spagna aveva già dimostrato che la sostanza, in combinazione con un approfondito allenamento cognitivo, potrebbe avere un effetto benefico su alcune abilità cognitive dei giovani adulti con sindrome di Down. Greetje Vande Velde è professore di imaging medico e patologia presso KU Leuven.

Sindrome Down Integratori te modellano la forma del viso

Una nuova ricerca ha ora analizzato gli effetti degli integratori di tè verde sullo sviluppo del viso dei bambini con sindrome di Down. Nella parte sperimentale, eseguita presso KU Leuven, gli integratori sono stati testati a dosi differenti su due gruppi di topi, un gruppo che è un modello per la sindrome di Down e un gruppo di controllo con topi normali. Inoltre, gli istituti di ricerca in Spagna hanno condotto uno studio osservazionale su bambini con e senza sindrome di Down.

Il trattamento dei topi è stato avviato durante la gravidanza. Gli estratti di tè verde sono stati somministrati ai cuccioli nel grembo materno attraverso l’acqua potabile della madre, in una dose bassa o alta.

Una bassa dose di estratti ha avuto un effetto positivo sui topi che modellano la sindrome di Down“, ha detto Vande Velde. “Il sessanta per cento aveva una forma del viso simile al gruppo di controllo senza il modello di sindrome di Down“.

La dose elevata, d’altra parte, ha prodotto risultati più contrastanti. In alcuni casi, lo sviluppo del viso è stato persino disturbato nei topi, provocando ulteriori malformazioni. Abbiamo riscontrato questo non solo nel modello con sindrome di Down, ma anche in altri topi“.

Lo studio osservazionale in Spagna ha arruolato 287 bambini di età compresa tra zero e 18 anni, compresi i bambini con sindrome di Down che hanno assunto (13) e non (63) integratori di tè verde. I bambini che hanno assunto integratori lo hanno fatto di propria iniziativa e non hanno seguito un programma prestabilito.

Tutti i partecipanti sono stati fotografati da diverse angolazioni per costruire un modello 3D dettagliato dei loro volti. I ricercatori hanno utilizzato 21 punti di controllo e le distanze tra loro per confrontare i volti.

Nel gruppo più giovane di età compresa tra zero e tre anni, hanno scoperto che questi rapporti differivano del 57% tra i bambini con sindrome di Down e il gruppo di controllo senza. Nei coetanei con sindrome di Down che assumevano integratori di tè verde, la differenza rispetto al gruppo di controllo era molto minore, ma del 25%. I tratti del viso caratteristici associati alla sindrome erano meno evidenti. Quindi i bambini con o senza sindrome di Down sembravano più simili.

Questo effetto era meno evidente negli adolescenti e nei giovani adulti (dai tredici ai diciotto anni). Anche dopo aver assunto gli integratori, la differenza era superiore al cinquanta percento. Quindi sembra che gli estratti di tè verde influenzino lo sviluppo del viso soprattutto nei primi anni di vita, quando il viso e il cranio sono in piena crescita.

Dobbiamo interpretare questi risultati e i potenziali benefici che abbiamo identificato per i bambini con sindrome di Down, con cautela. Questi sono risultati preliminari basati su uno studio osservazionale“, ha sottolineato Greetje Vande Velde.

Sono ancora necessarie molte ricerche per stimare gli effetti e il corretto dosaggio degli integratori con EGCG. Va anche presa in considerazione l’influenza su altri sistemi di organi, ora abbiamo esaminato solo lo sviluppo del viso. Ciò richiede più ricerca di base in laboratorio. prima. e poi ampi studi clinici con più partecipanti e somministrazione controllata di questi integratori”.

I nostri risultati indicano che il dosaggio gioca un ruolo importante”, ha detto Vande Velde. “Gli integratori di tè verde contenenti EGCG sono da banco e molte persone li usano per promuovere la loro salute generale“.

È molto importante seguire le istruzioni per l’uso europee e consultare sempre un medico prima dell’uso. Con la nostra ricerca dimostriamo che una dose bassa ha effetti potenzialmente benefici sullo sviluppo del viso, ma allo stesso tempo che una dose elevata nei topi ha risultati imprevedibili. Sono necessarie ulteriori ricerche sugli esseri umani per determinare il dosaggio ottimale per ogni fascia di età e sviluppare il potenziale terapeutico“.

Penso che il messaggio più importante sia che la scienza sta facendo del suo meglio per comprendere tutto questo, al fine di trovare possibilmente opzioni per il supporto in futuro“, ha detto il professor Vande Velde.

Lo studio sull’influenza degli integratori di tè verde è stato pubblicato su Scientific Reports . Fonti: telex Belga, comunicato stampa KU Leuven.

fonte@Vrt.be

Next Post

Coronavirus: Ancora una variante pericolosa nei Paesi Bassi

Questa è una delle mutazioni del coronavirus considerata realmente preoccupante perché la vaccinazione potrebbe non funzionare. Sembra anche che questa variante sia più contagiosa del coronavirus originale. Lo riferisce l’ Istituto nazionale per la sanità pubblica e l’ambiente (RIVM). Questa variante, chiamata B.1.525, è stata scoperta durante la sorveglianza dei […]
Coronavirus Ancora una variante pericolosa nei Paesi Bass