Astronomi: Astreroide Apophis potrebbe colpire la Terra
Astreroide Apophis potrebbe colpire la Terra

Scienziati dell’Università delle Hawaii a Manoa hanno studiato l’asteroide Apophis, che nei prossimi anni si avvicinerà molto al nostro pianeta. Secondo gli astronomi, un asteroide di circa 300 metri di diametro potrebbe entrare in collisione con la Terra.

Nel corso degli studi su un corpo celeste, gli scienziati hanno scoperto la presenza dell’effetto Yarkovsky, che si verifica durante le fluttuazioni di temperatura sugli oggetti che si muovono nello spazio. Da un lato, che è illuminato dal Sole, l’asteroide si riscalda, e dal lato in ombra, al contrario, si raffredda.

Come risultato di questo fenomeno fisico, l’oggetto ha un debole impulso reattivo, che può avere un impatto significativo sulla traiettoria del movimento.

Astreroide Apophis potrebbe colpire la Terra

Si è scoperto che quando gli scienziati hanno calcolato la traiettoria di volo di Apophis, questo effetto non è stato preso in considerazione. Quando gli astronomi hanno ricontrollato i loro calcoli tenendo conto dell’effetto Yarkovsky, hanno scoperto che è possibile una collisione di asteroidi con la Terra. E questo evento accadrà nel 2068.

Il primo avvicinamento di un corpo spaziale con il nostro pianeta è previsto per il 13 aprile 2029. Passerà al livello dell’orbita dei satelliti che circondano la Terra. In questo caso, l’oggetto sarà chiaramente visibile ad occhio nudo.

Gli scienziati hanno affermato con sicurezza che al primo approccio nel 2029, l’asteroide Apophis non entrerà in collisione con la Terra.

Tuttavia, gli scienziati sono ancora preoccupati per il fatto che ogni anno un corpo cosmico parte dall’orbita di 170 metri. Ciò potrebbe alla fine portare l’asteroide a cadere sul nostro pianeta, causando eventi catastrofici.

Loading...
Potrebbero interessarti

Smartphone, una persona su tre lo preferisce a un amico

Lo smartphone è preferito a un amico da più di una persona…

Spotify lancia la sfida a Youtube sui video online

Nei giorni scorsi abbiamo parlato della scesa in campo della Apple che…