Basta un libro per rendere l’acqua potabile

Se la lettura di un buon libro arricchisce sicuramente ogni uomo, nell’animo e nei suoi valore, da oggi le pagine di un libro possono aiutare anche a rendere più sicura l’acqua che si beve.

Naturalmente parliamo di un libro speciale: sviluppato dalla dottoressa Teri Dankovich, ricercatrice della Carnegie Mellon University di Pittsburgh, e testato col contributo della McGill University del Canada e dell’Università Usa del Virginia, si tratta di un mini volume le cui pagine non solo contengono istruzioni su come e perché purificare l’acqua, ma fungono da veri e propri filtri per la stessa, depurandola da batteri nocivi.

Le sue pagine contengono nanoparticelle di argento o di rame, che uccidono i batteri presenti nell’acqua, una minaccia per la salute e la vita nei Paesi in via di sviluppo: gli studi condotti in 25 fonti di acqua contaminata in Sud Africa, Ghana e Bangladesh, il libro «potabile» ha rimosso con successo oltre il 99% dei batteri.

Una sola di queste pagine potrebbe essere in grado di pulire fino a cento litri di acqua mentre un solo libro potrebbe bastare per filtrare l’acqua che una persona utilizza in quattro anni.

Next Post

Centro di Milano senza ticket solamente per una settimana

Come di consueto, in occasione della pausa estiva in cui la città si svuota e nonostante quest’anno il capoluogo lombardo ospiti l’Expo Universale 2015, la Zona C di Milano diventa accessibile gratuitamente, senza pagare alcun ticket. Quest’anno però, il periodo è stato praticamente dimezzato: da lunedì 17 agosto sono di nuovo […]