Cassano Magnago, aggredito in Russia: il matrimonio non s’ha da fare

Eleonora Gitto

Uomo di Cassano Magnago è stato minacciato e aggredito in Russia solo perché voleva sposare la fidanzata.

Brutta storia per Riccardo Reghenzani, di 34 anni, che è andato in Russia perché voleva sposare la sua fidanzata Ekaterina.

Riccardo aveva conosciuto Ekaterina a Giugno in Thailandia, e fra i due è nata una bella storia.

Racconta Reghenzani: “Volevamo vivere in Italia. Con la sua famiglia aveva pessimi rapporti dopo il divorzio dal primo marito, un matrimonio che le era costato numerosi ricoveri in ospedale, diciamo per eccessivo stress. La prima volta che sono andato in Russia me lo sono trovato in aeroporto”.

“Volevo fosse tranquilla rispetto al passato. Per i suoi visti e documenti sarebbe stato tutto più semplice. Avevo necessità di una vidimazione sul passaporto, così siamo andati nell’ufficio preposto il 24 gennaio. All’uscita siamo stati aggredita da un gruppo di uomini. Ho reagito, sono stato spintonato, aggredito e mi sono aggrappato alla portiera della macchina per cercare di far uscite Ekaterina”.

Riccardo racconta che non ha nessuna intenzione di tornare dalla Russia, perché vuole giustizia.

Ha deciso quindi di assumere un avvocato e un investigatore, perché è stato pure ammanettato dalla polizia russa. Insomma, vuole giustizia e rivuole indietro Ekaterina.

Next Post

Spray al peperoncino al concerto di Guè Pequeno e Marracash

Spray al peperoncino al concerto di Guè Pequeno e Marracash. Nei concerti ne succedono davvero di tutti i colori. Siamo abituati ad assistere a confusione, file interminabili, qualche volta cariche della polizia, interruzione della manifestazione per ragioni di sicurezza, tipo bombe e varie; ma dello spray al peperoncino non avevamo […]
Spray al peperoncino al concerto di Guè Pequeno e Marracash