Ecografia paurosa, un demone accanto al feto

Noi speriamo sia soltanto una bufala, un inquietante effetto ottico o più semplicemente una foto ritoccata al computer, perché l’ecografia che sta facendo il giro del web ha veramente dell’incredibile, e non nel senso positivo del termine.

La foto mostra al centro il feto mentre in altro a destra l’immagine del diavolo che sembra tenere sott’occhio il piccolo. La foto è stata pubblicata dal tabloid scandalistico Mirror ed in pochissime ore si è aperto un acceso dibattito sull’opportunità o meno di pubblicare l’immagine.

In realtà, l’immagine non è molto chiara, ma è stata proprio la possibilità che si tratti di un demone che ha spaventato i neo genitori e ha fatto parlare molte persone.

Le immagini che vengono immortalate sulle ecografie dei feti di donne incinte sono spesso il frutto dell’immaginazione e della capacità di alcuni osservatori di andare a catturare anche solo un piccolo particolare che poi viene completamente isolato dal contesto. Nel caso dell’ecografia con il diavolo che è apparsa sul Mirror, quindi, non sembra esserci stato alcun fotomontaggio ma solo l’acuta attenzione di un osservatore che poi ha reso virale la sua scoperta.

Non si tratta comunque del primo caso di immagine inquietanti su un’ecografia: già in passato è accaduto ad altre coppie. In un’altra immagine di un’ecografia in 4D si vede il volto del nonno che bacia il bambino, o ancora la sagoma di un dinosauro o addirittura il volto di un uomo di cui non si conosce l’identità.

Potrebbero interessarti

Tiramisù alla crema pasticcera e mirtilli

Carissimi amici oggi vi voglio presentare una ricetta davvero gustosa, variante del…

Problemi alla prostata, niente sesso per sette milioni di Italiani?

Ma davvero per problemi alla prostata, il sesso è diventato una chimera…

Cervello, i social stanno progressivamente azzerando lo spirito critico

Gli apocalittici già da oltre un decennio si sono spinti a parlare…

Sclerosi multipla, l’importanza di donare per aiutare la ricerca

Negli ultimi anni la ricerca ha fatto passi da gigante, e per…