Possibile decifrare le emozioni con il Wi-Fi

Redazione

Un nuovo approccio che utilizza i segnali radio e l’intelligenza artificiale per rilevare e decifrare le emozioni umane è stato sviluppato da un gruppo di ricercatori dell’Università di Londra.

Il metodo, pubblicato sulla rivista PLOS ONE, utilizza segnali wireless per misurare la frequenza cardiaca e la respirazione e quindi determinare come si sente una persona senza dover considerare alcun segnale visivo, come un’espressione facciale.

Possibile decifrare le emozioni con il Wi-Fi

Ai partecipanti allo studio è stato chiesto di guardare un video scelto dai ricercatori per suscitare una delle quattro emozioni di base: rabbia, tristezza, gioia e piacere. Durante questo processo, i segnali wireless emessi da ogni persona sono stati catturati in modo sicuro. Analizzando le loro reazioni, visibili nei leggeri movimenti del corpo, i ricercatori sono stati anche in grado di leggere le informazioni “nascoste” nei loro ritmi cardiaci e respiratori.

Studi precedenti utilizzavano anche metodi non invasivi e wireless per rilevare le emozioni, ma si basavano su approcci classici di apprendimento automatico, che utilizzano un algoritmo per identificare e classificare gli stati emotivi. A differenza di questi, in questo ultimo studio i ricercatori hanno utilizzato tecniche di deep learning – come l’analisi dei dati da parte di una rete neurale artificiale – che ha permesso loro di rilevare le emozioni con maggiore precisione.

Con il deep learning abbiamo dimostrato che possiamo misurare le emozioni in modo preciso e indipendente dal soggetto: vedere una raccolta di segnali provenienti da individui diversi, imparare da quei dati e usarli per prevedere le loro emozioni in una fase successiva“, ha detto il dottorando Achintha Ihalage , uno degli autori.

Stanno ora considerando l’utilizzo di sistemi a basso costo, come i router Wi-Fi, per rilevare le emozioni di un gran numero di persone convocate, ad esempio, in un ufficio o in un altro ambiente di lavoro.

Questa ricerca apre molte opportunità per applicazioni pratiche, in particolare in aree come l’interazione uomo-robot, così come la salute e il benessere emotivo, che sono stati sempre più importanti durante l’attuale pandemia covid-19“, ha spiegato il capo del progetto, il professor Yang Hao.

Next Post

Harvard: Alieni non ci visitano perchè siamo troppo stupidi

Un professore ha rivelato di credere nella vita extraterrestre ma allo stesso tempo è convinto che nessuno sia arrivato ancora sulla Terra perchè siamo troppo “stupidi” per loro. Il professore di astronomia di Harvard Avi Loeb, crede anche che gli alieni non prendano in considerazione il nostro pianeta. Parlando dell’argomento alieni al […]
Professore rivela Nessuna visita da alieni siamo troppo stupidi