Rese pubbliche le foto del fucile con cui si suicidò Kurt Cobain
Rese pubbliche le foto del fucile con cui si suicido Kurt Cobain

Nonostante siano passati oltre vent’anni dal terribile episodio, è impresso nella memoria di tutti, quasi come fosse ieri, il momento in cui tutti i giornali e telegiornali internazionali diffusero la notizia della morte del cantante dei Nirvana Kurt Cobain, che si uccise il 5 aprile del 1994.

La mattina dell’8 aprile 1994, il corpo del leader dei Nirvana fu trovato da Gary Smith, un elettricista della Veca Electric, nella serra presso il garage nella sua casa sul Lago Washington.

Negli anni successivi non si sono sprecate teorie strampalate e complottistiche, soprattutto tra gli amanti dei Nirvana e della loro musica, ma nella realtà ben pochi dettagli sono stati resi noti su quella terribile scomparsa.

In queste ore, nel sito ufficiale del Dipartimento di Polizia di Seattle, sono state pubblicate le foto del fucile con cui il cantante si uccise, divenute subito virali, e inserite nel registro delle indagini. Le foto ritraggono Mike Ciesynski, detective della sezione “cold case”, con aria compiaciuta che tiene il fucile in mano con differenti angolazioni.

Gli scatti risalgono al giugno 2015. La polizia non ha reso noto perché ha scattato le foto l’anno scorso e perché le abbia rese pubbliche solo ora.

Laureanda, content writer professionista, in attesa di patentino giornalista pubblicista, si occupa principalmente di contenuti legati alla sanità italiana e alla tecnologia.

Potrebbero interessarti

Amber Heard: Johnny Depp non sta pagando il divorzio

Dopo i video pubblicati in rete e il turbolento divorzio tra l’attore…

Miley Cyrus, neppure l’amore le mette un freno

In tanti pensavano che l’amore avrebbe in qualche modo potuto farla “redimere”,…

Micaela Ramazzotti, da ragazza vittima di bullismo

Oggi è un’attrice bella e affermata, che nulla ha da temere, ma…

Fabio Rovazzi risponde piccato all’accusa del rapper Salmo

Nei giorni scorsi anche noi vi abbiamo raccontato di come Fabio Rovazzi…