Scienziati rivelano: La Luna è molto più di quello che vediamo
Scienziati rivelano La Luna molto piu di quello che vediamo

La Luna è “viva” secondo le ultime scoperte della NASA che mostrano come il pianeta satellite della Terra continua a rimodellarsi con grande stupore degli stessi scienziati.

I risultati odierni dimostrano che la Luna è più di un semplice satellite polveroso e può, invece, cambiare costantemente forma.

I ricercatori della Brown University hanno scoperto un sistema di curiose creste sparse sul lato vicino della Luna sormontate da massi appena esposti.

Si ritiene che le immagini dimostrino che la crosta del pianeta si sposta nel tempo, proprio come accade sulla Terra, causando regolari “terremoti lunari“.

Le immagini a infrarossi del Lunar Reconnaissance Orbiter della NASA mostrano strani punti in cui le sponde della polvere grigia della Luna sembrano essersi spostate senza spiegazioni, suggerendo un processo tettonico attivo ancora oggi.

Ci sono anche prove di movimenti di piastre più vecchi, forse dovuti a un massiccio attacco di meteoriti che ha causato la formazione di bacini di lava, affermano i ricercatori.

Si presume che la Luna sia morta da molto tempo, ma continuiamo a scoprire che non è così“, ha affermato Peter Schultz, professore nel Dipartimento di Scienze della Terra, dell’Ambiente e del Pianeta della Brown University.

Schultz è coautore della ricerca sulla Luna, pubblicata sulla rivista Geology .

Da questo documento sembra che la Luna possa ancora scricchiolare e spezzarsi, potenzialmente anche ai giorni nostri, e possiamo averne le prove su queste creste“.

Gran parte della superficie della Luna è coperta da regolite, una coperta polverosa di roccia macinata creata dal costante bombardamento di piccoli meteoriti.

È molto raro vedere il vero substrato roccioso della Luna esposto come in queste immagini e se lo è, indica che si è verificato uno spostamento improvviso.

Per studiare la superficie, Adomas Valantinas, dell’Università di Berna, ha lavorato con i ricercatori Brown usando i dati del Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) della NASA per studiare i punti nudi all’interno e intorno a grandi macchie scure sul lato vicino della Luna.

I blocchi esposti sulla superficie hanno una durata relativamente breve perché l’accumulo di regolite si verifica costantemente“, ha detto Schultz. “Quindi, quando li vediamo, ci deve essere qualche spiegazione su come e perché sono stati esposti in determinati luoghi.

Alcune creste sormontate da roccia fresca esposta, erano state già viste in precedenza, dice Schultz. Ma quelle creste si trovavano ai bordi di antichi bacini d’urto pieni di lava e potevano essere spiegati con il continuo cedimento in risposta al peso causato dal riempimento di lava.

Un dettaglio della superficie della Luna (Foto@Nasa)

Questo nuovo studio ha scoperto che le creste più attive sono legate ad un misterioso sistema di attività tettonica sul lato lunare, non correlato sia a bacini pieni di lava che ad altre faglie giovani che attraversano gli altopiani.

La distribuzione che abbiamo trovato qui richiede una spiegazione diversa“, ha detto Schultz.

È quasi una correlazione uno a uno“, ha aggiunto. “Questo ci fa pensare che quello che stiamo vedendo è un processo in corso, guidato da cose che accadono all’interno della Luna.

La NASA ha promesso di inviare la prima donna e il prossimo uomo sulla Luna entro il 2024.

Loading...
Potrebbero interessarti

nuTonomy self-driving car: da Singapore a Boston

nuTonomy, la startup di Singapore testa le sue self-driving car a Boston, negli…

Interstellar, viaggio verso Alpha centauri in cerca di forme di vita

Una flotta di astronavi a vele solari spinte da laser in un…