Agartha: Il mondo sotterraneo sul nostro pianeta
Agartha Esiste il mondo sotterraneo sul nostro pianeta

Una delle idee più affascinanti portate avanti dai tempi antichi è il concetto di un mondo nascosto esistente sotto la superficie della Terra. Agartha (noto anche come Agharti, Agartta o Agarttha) è probabilmente la versione più popolare di questo tipo di leggenda, essendo menzionata in una forma o nell’altra da diverse culture antiche nel corso dei secoli.

Ci sono una miriade di tradizioni e leggende popolari tramandate, trovate in diversi paesi che descrivono in dettaglio l’esistenza di una civiltà sotterranea di esseri che possiedono intelligenza superiore e significativo potere spirituale. Si ritiene che queste popolazioni sotterranee siano gli abitanti di Agartha.

Si ritiene che Agartha sia un regno sotterraneo situato sotto il continente asiatico e collegato a tutti gli altri continenti del mondo attraverso una vasta rete di tunnel. Si dice che questi tunnel siano stati costruiti in parte dalle forze naturali e in parte dagli abitanti di Agartha.

Uno dei punti più intriganti di questa rete di passaggi sotterranei è che presumibilmente ci sono diversi ingressi nel Regno di Agartha dalla superficie della Terra, tra cui la Grotta dei Mammut nel Kentucky, la base della Grande Piramide di Giza, Manaus in Brasile e i poli nord e sud.

Le posizioni esatte di questi passaggi sotterranei sono considerate segreti attentamente custoditi, con solo una manciata di alti iniziati che hanno una conoscenza concreta di dove si trovino. Secondo la leggenda, questo enorme labirinto di tunnel funge anche da vasta rete di comunicazione, con alcuni dei vari ingressi che rappresentano quelli che sono noti come “punti della griglia planetaria“, hub energetici in cui può avvenire la trasmissione di dati intercontinentali.

La leggenda di Agartha trova le sue radici in quella che è conosciuta come la “teoria della Terra cava“, una premessa che afferma che la Terra è in realtà vuota e che esiste una sfera interna all’interno della Terra che contiene un Sole centralizzato.

Secondo la teoria della Terra cava, questo ambiente sotterraneo ospita diverse civiltà che sono più spiritualmente e tecnologicamente avanzate rispetto alle loro controparti abitative.

In effetti, molti sostenitori della teoria della Terra cava credono che gli UFO non siano extraterrestri, ma invece siano stati fabbricati da questi esseri situati all’interno della Terra. Agartha è considerata la società più importante della Terra interna e si ritiene che risieda nel nucleo della Terra.

Secondo la leggenda, la capitale di Agartha è conosciuta come Shamballa (anche Shangri-La o Shambalah), ed è comunemente descritta in diverse culture antiche come un paradiso. A Shamballa si fa riferimento da diversi titoli tra cui la Terra degli spiriti radianti, la Terra proibita, la Terra del fuoco vivo, la Terra delle acque bianche, la Terra delle meraviglie e la Terra degli dei viventi.

Alcune antiche leggende considerano Shamballa collegata all’originale Giardino dell’Eden. I tibetani credono che Shamballa sia un epicentro per l’antica conoscenza e illuminazione, ma credono anche che gli abitanti di Shamballa possiedano una tecnologia avanzata che supera quella che è attualmente conosciuta da coloro che vivono sulla superficie del pianeta.

Alcune leggende sostengono che la tecnologia perduta di Atlantide sia presente in questo misterioso mondo sotterraneo, mentre altri postulano che i Maya si siano effettivamente trasferiti in questa civiltà sotterranea, una teoria offerta per spiegare la loro misteriosa scomparsa.

L’autore Brad Steiger ha scritto un articolo intitolato “The Hollow Earth: Myth or Reality“, in cui ha condiviso una leggenda popolare riguardante “The Old Ones“, un’antica razza di ominidi che abitava la superficie della Terra milioni di anni fa, ma successivamente si trasferì sottoterra. Ha affermato che gli Antichi erano “tecnologicamente avanzati” e “immensamente intelligenti“, oltre che “estremamente longevi“.

Si ritiene che questa mitica civiltà popoli Agartha e che generalmente rimangano distanti dagli affari degli abitanti della superficie, ma secondo Steiger appaiono di tanto in tanto per offrire “critiche costruttive“. Steiger ha anche detto che gli Antichi “spesso rapivano i bambini umani per allevarli come loro“.

L’alchimista francese del diciannovesimo secolo, insegnante spirituale e filosofo Alexandre Saint-Yves d’Alveydre credeva fermamente in questa razza di esseri superiori del mondo sotterraneo, e sosteneva persino di ricevere trasmissioni telepatiche da alcuni abitanti di Argatha.

Saint-Yves ha affermato che tutta la saggezza e la ricchezza di Agartha saranno rese disponibili all’umanità “quando il cristianesimo rispetterà a pieno i comandamenti che erano stati redatti una volta da Mosè e Gesù“, o in altre parole “quando l’Anarchia che esiste nel nostro mondo sarà sostituita dalla Sinarchia“. Saint-Yves si riferiva anche agli abitanti sotterranei di Agartha come” i maestri ascesi “, un titolo che sottolineava la loro superiorità spirituale.

L’antica filosofia buddista menziona anche Agartha, sostenendo che la società ebbe origine quando un uomo santo condusse una tribù nelle caverne degli inferi. La teoria buddista sostiene che esiste una razza di superuomini e super donne sotterranee che possiedono conoscenza e intuizione intellettuale molto al di sopra di ciò che è comune agli esseri umani.

Secondo la loro leggenda, queste entità superiori emergono occasionalmente per indagare sul progresso della razza umana. Il mito buddista suggerisce anche che queste società sotterranee in realtà contengano milioni di abitanti in diverse città sotterranee.

Si ritiene inoltre che il Dalai Lama del Tibet sia il rappresentante terrestre del re di questa società sotterranea e che riceva i suoi messaggi attraverso i punti della griglia planetaria che collegano Agartha con il Tibet.

Diverse tradizioni culturali dei nativi americani sostengono anche che i predecessori della razza umana provenissero da sotto la Terra. La tradizione indiana di Pueblo afferma che i loro dei hanno avuto origine all’interno della Terra e che questo mondo interiore è presumibilmente collegato agli abitanti della superficie attraverso un grande buco nel Nord.

Queste affermazioni non sono nuove neanche ai nativi americani; gli egiziani, i cinesi e gli eschimesi hanno tutti scritti antichi che descrivono una grande apertura nel nord, così come una razza di persone che vivono sotto la superficie della Terra. Tutte queste varie leggende affermano anche che i loro antenati hanno avuto origine da un paradiso mistico situato all’interno della Terra.

Ci sono alcuni studiosi moderni che credono che ci siano due aperture primarie che conducono ad Agartha e che queste aperture sono accessibili dai poli nord e sud a 84,4 gradi di latitudine nord e sud.

Sebbene la scienza moderna respinga ampiamente queste affermazioni e altre relative all’esistenza di Agartha, l’enigma e la segretezza che circondano questo antico regno continueranno a incantare e ispirare coloro che amano esplorare il mistero di mondi sconosciuti.

Loading...
Potrebbero interessarti

Pelle artificiale, nanotubi di carbonio per una sensibilità umana

Nanotubi di carbonio per realizzare una pelle artificiale con una sensibilità molto…

Astronomi hanno scoperto fonte misteriosa di segnali radio

Dopo recenti osservazioni, gli astronomi hanno rilasciato una dichiarazione sensazionale: hanno scoperto…