Agli Uffizi ricomposto il Trittico di Antonello Da Messina

L’accordo era stato firmato tra Regione Lombardia, Mibact e il Comune di Milano lo scorso 23 ottobre e finalmente oggi si concretizzerà, per la prima volta e per la gioia di tutti gli appassionati d’arte: il Trittico di Antonello da Messina formato dalle tavole della Madonna con Bambino, del San Giovanni Evangelista e del San Benedetto sarà esposto completo per la prima volta agli Uffizi di Firenze.

Lo scambio tra Regione Lombardia e Galleria degli Uffizi, della durata di 15 anni, prevede la ricomposizione del trittico di Antonello a Firenze e l’arrivo dell’opera di Foppa presso la Pinacoteca del Castello Sforzesco di Milano. Il trittico era stato esposto dal 25 giugno al 28 ottobre al Museo Bagatti Valsecchi di Milano, nell’ambito del progetto ‘Expo Belle Arti Lombardia’, voluto dal governatore Roberto Maroni e curato da Vittorio Sgarbi.

Un’occasione per fruire dell’unità di un capolavoro altrimenti mutilato che adesso, grazie ad un’esemplare sinergia si prolungherà nel tempo permettendo al grande pubblico di ammirarne la bellezza.

«L’opera considerata nella sua unitarietà riveste un valore unico per la storia dell’arte del nostro Paese ed è in questa prospettiva che, conclusa con grande successo di pubblico la mostra milanese [al Museo Bagatti Valsecchi, in occasione di Expo], il trittico sarà riesposto agli Uffizi. Lo scambio con la Madonna con Bambino e un angelo di Vincenzo Foppa permetterà così, da un lato, di continuare a fruire della magnifica unitarietà del trittico a Firenze e, dall’altro, di integrare e impreziosire il percorso della pittura lombarda a Milano», ha commentato Cristina Cappellini, Assessore alle Culture, Identità e Autonomie di Regione Lombardia.

Loading...
Potrebbero interessarti

Zsa Zsa Gabor la stella di Hollywood morta a 99 anni

Ben sessant’anni di carriera lei era Zsa Zsa Gabor, attrice e interprete…

Francesca De Andrè commenta l’ennesimo gestaccio del padre

Naturalmente non poteva perdere la ghiotta occasione: da mesi a ribadire che…