Basta buche tour a Roma con la lista Marchini

Redazione

Roma. Centinaia di persone con indosso magliette gialle in sella a moto e motorini, hanno sfilato dalla Cristoforo Colombo fino al Lungotevere, e poi ritorno fino a Piazza Venezia, al fine di sottolineare “l’emergenza sicurezza stradale”. Il corteo, chiamato “Basta buche tour” è partito alle 10.45 da piazzale Guglielmo Marconi per sottolineare i punti critici evidenziati dal dossier presentato ieri in Campidoglio: dalle voragini ai semafori e ai cartelli coperti da alberi e rami.

A guidare il corteo Alessandro Onorato, capogruppo della Lista Marchini in Campidoglio, il quale ha dichiarato: “Mentre Marino e la sua maggioranza litigano per la poltrona, noi preferiamo occuparci dei problemi dei romani. Seicentomila romani che utilizzano le due ruote, ogni giorno rischiano la vita per raggiungere il posto di lavoro. Non è possibile che i semafori del Lungotevere siano invisibili a causa degli alberi non potati e che tutte le strade, da piazza Venezia alle periferie, siano martoriate da buche killer. Non si tratta di rifare tutta la città, ma bastano poche ore di lavoro del servizio giardini per rendere semafori e segnaletica di nuovo visibili e semplici interventi per mettere in sicurezza almeno le buche più pericolose. Ad oggi, il Comune di Roma non è stato neanche in grado di assegnare l’appalto per la manutenzione della grande viabilità. Chiediamo interventi immediati o ci rivolgeremo prima al Prefetto e poi alla Procura”.

“Anche oggi con i nostri volontari siamo stati tra i cittadini per denunciare degrado e insicurezza. I duelli di palazzo tra Marino e il PD e tra Alemanno e il suo partito sono il funerale di un sistema al collasso. Noi continuiamo a concentrarci su come migliorare la vita dei romani”, ha commentato in una nota Alfio Marchini al termine della manifestazione.

Next Post

David Bowie, nuovo album per il suo 69 esimo compleanno

Ormai è vicino ai 70 anni, ma complice la sua sconfinata passione per la musica, di cui ha saputo fare un lavoro e un’arte che lo ha reso famoso in tutto il mondo, si sente e sembra un ragazzino, e non ha nessuna intenzione di ritirarsi a vita privata. David […]