Carabiniere spara all’ex amante e si uccide

Redazione

Arma di Taggia, Imperia. Una donna di 33 anni perseguitava il suo ex amante con messaggi e telefonate perché non si rassegnava alla fine della loro breve relazione, ma lui, un carabiniere di 31 anni sposato, di lei non ne voleva più sapere.

Dopo l’ennesima chiamata l’uomo si è recato presso l’appartamento dell’ex e le ha sparato alla testa con una Smith and Wesson calibro 38, quindi non la pistola di ordinanza, per poi rivolgere l’arma contro se stesso e suicidarsi.

Ora la donna è in condizioni gravi all’ospedale di Pietra Ligure, mentre sulla vicenda indagano i militari di Sanremo, allertati dai vicini che hanno udito i colpi di arma da fuoco. Hanno trovato prima il cadavere dell’uomo e, poco più in là, la donna ancora in vita.

Secondo le prime ricostruzioni, i due si frequentavano da quando lei, Barbara Zanini, era stata trasferita per lavoro dalla provincia di Brescia a quella di Imperia. L’uomo era in servizio attivo nel Ponente ligure. Dopo la fine della loro breve relazione la Zanini non si è mai rassegnata e telefonava spesso sia al carabiniere sia alla sua famiglia. L’uomo aveva avuto una discussione con la moglie poco prima di incontrare la Zanini, proprio per l’ennesima telefonata dell’ex amante a casa.

 

Next Post

Roma a 15 anni dalla morte dedica una mostra monografica a Balthus

Uno dei pittori figurativi più importanti del ’900, formatosi alla lezione dei maestri italiani del XIV e XV secolo, eppure forse non tanto famoso quanto il suo genio creativo meritava: Balthus è un pittore francese nato nel 1908 e morto nel 2001ed  ha diretto per 17 anni, a partire dal […]