Dado, minacce di morte per la parodia sui Casamonica

Se in Italia il diritto di satira è sacrosanto, bisogna comunque star bene attenti a soppesare le conseguenze delle proprie azioni, o per meglio dire, delle proprie parodie.

Lo sta imparando a sue spese il comico romano Dado, che aveva fatto la parodia al funerale dei capoclan dei Casamonica, funerale finito sulle pagine dei maggiori quotidiani internazionali per la sua sfarzosità, che era sembrata un attacco diretto e sfrontato al potere dello stato.

“Neppure quando ho attaccato l’Isis sono stato minacciato così. In confronto ai Casamonica l’Isis è il circolo dei Lions”, ha sdrammatizzato il comico, che ha ricevuto serie minacce dagli appartenenti al clan, attraverso la sua pagina Facebook.

La canzone recita «vorrei una bara fiammante, Fuori la chiesa la mia faccia gigante. Ed una banda che suona, Le note del padrino re di Roma»: parole che hanno scatenato reazioni molto accese.

Sotto il video postato da Dado su Facebook è ancora possibile leggere molti dei commenti pieni di insulti e di minacce che gli sono stati rivolti. A commentare il video sembra siano intervenuti anche parecchi soggetti vicini al clan dei Casamonica, che sarebbero arrivati addirittura a minacciare di morte Dado per quando fatto.

Next Post

Università, come si sceglie il corso di laurea

Tempo, per i diplomati 2015, di affrontare i test di ingresso negli atenei che hanno scelto: a settembre sarà definitiva la lista di coloro che saranno ammessi ad almeno un corso di laurea ad accesso programmato. Ma in che modo i 18 enni italiani scelgono la facoltà da intraprendere? Come […]