Energy drink sotto accusa negli Usa: rischio avvelenamento per i bambini

E’ allarma energy drink negli Stati Uniti. Nel corso dell’ultimo convegno dell’American Heart Association, è stato messo in evidenza il rischio avvelenamento soprattutto per i bambini che assumono energy drink. Una lattina di queste bevande può contenere fino a 150 mm di caffeina, mentre una tazza di caffè ne contiene solo tra i 40 ed i 100. Tra il 2010 ed il 2013 sono arrivate oltre 5.000 telefonate ai centri antiveleni, di cui 4 su 10 riguardavano bambini intossicati da energy drink.

Sono numeri ancora parziali, poiché non tengono conto dei bambini giunti direttamente in ospedale o che non sono stati seguiti con una cura medica dopo l’intossicamento da energy drink. Steven Lipschultz, medico pediatra dell’Ospedale infantile a Detroit, tiene a sottolineare la gravità di questo problema che forse si tende a minimizzare: “Gli avvelenamenti riportati dai 55 centri monitorati sono solo la punta dell’iceberg”.

I sintomi da avvelenamento da energy drink sono: convulsioni e agitazione, alterazione del battito cardiaco e disturbi digestivi. Non solo i bambini, ma anche persone adulte con problemi cardiaci e neurologici farebbero bene a non abusare di queste bevande, ancora meglio ad eliminarle. Il problema è anche la percezione della pericolosità degli energy drink. Uno studio effettuato dall’Università di Catanzaro ha rilevato che, su 870 studenti delle scuole superiori intervistati, solo il 13% era a conoscenza della gran quantità di caffeina. La maggior parte considera gli energy drink come un’aranciata o un integratore minerale che si usa durante lo sport.

Loading...
Potrebbero interessarti

Masturbarsi 21 volte riduce le possibilità di ammalarsi di cancro

Sembrerebbe una pratica molto utile per ridurre addirittura le percentuali di comparsa…

Asco, i Merit Awards assegnati a Chicago a ben 11 italiani

Ogni anno di più, il meeting dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) si…