Giornalista anti-Putin in gravi condizioni, forse avvelenato

Redazione

Russia. Un giornalista ed aspro critico del Cremlino, Kara-Murza, 33 anni, è ricoverato in gravi condizioni a Mosca, dove, secondo il Times, si teme possa essere stato avvelenato. Ad avanzare tale ipotesi con convinzione è la moglie Yevgenia.

Kara-Murza ha doppia cittadinanza, britannica e russa, ha cominciato ad accusare i primi malori dopo che l’Ong per cui lavora, Open Russia, ha diffuso un film molto critico nei confronti del presidente Ramzan Kadyrov, fedelissimo a Vladimir Putin.

Kara-Murza era anche amico di Boris Nemtsov, un altro personaggio dell’opposizione russa, ucciso misteriosamente tre mesi fa mentre passeggiava con la fidanzata lungo le mura del Cremlino.

L’organizzazione Open Russia fa capo a un’altro oppositore di Putin, l’ex oligarca Mikhail Khodorkovsky, molto noto ai tempi di Boris Eltsin, ma caduto in disgrazia con l’arrivo di Putin. Khodorkovsky, arrestato per frode fiscale nel 2003, ha subito diverse condanne. Rilasciato a fine 2013 dopo un’amnistia coatta dalla Duma si è trasferito in Germania, dove tutt’ora è residente.

Next Post

Nastri D'Argento 2015, è sfida tra Garrone, Moretti, Sorrentino, Costanzo e Munzi

Mancano ormai sempre meno giorni all’attesissimo sabato 27 giugno 2015, giorno in cui nel bellissimo Teatro Antico di Taormina verranno assegnati dal Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani (SNGCI) gli ambitissimi premi cinematografici ovvero i Nastri d’argento. Quest’anno, a sfidarsi nella categoria “Regista del miglior film 2015” vi troviamo cinque bravissimi […]