Il capitano Schettino è ghettizzato

Nell’udienza  odierna del processo a danno del capitano Francesco Schettino per la strage del Giglio, gli avvocati dicono che il comandante è stato ghettizzato processualmente.

“Il pubblico ministero ha voluto mettere all’angolo Schettino fin dall’inizio” – ha detto in aula l’avvocato del comandante della Costa Concordia, presente in aula.
Per i legali dell’ex capitano della Costa Concordia tutti sapevano dell’inchino. Anche i vertici della compagnia di navigazione. Una pratica che in quella maledetta notte del 13 gennaio del 2012 si è trasformata in una tragedia. Trentadue vittime e altrettante famiglie che chiedono giustizia per una tragedia che in Italia non ha precedenti.

Una ferita che si riapre per vittime e superstiti quasi sempre presenti ad ogni udienza del processo. Per Schettino il pubblico ministero ha chiesto  ventisei anni di reclusione. Intanto i magistrati escludono che così come richiesto dalle istituzioni locali la tragedia del Giglio abbia provocato danni d’immagine all’isola.

 

 

Loading...
Potrebbero interessarti

Gorizia inaugura la prima “Pannolinoteca” ecologica

Nasce a Gorizia la prima “Pannolinoteca” ecologica per promuovere l’uso di pannolini…

Firenze, auto impazzita piomba sulla gente: 8 feriti

Auto impazzita a Firenze piomba sulla gente: 8 feriti. Nel capoluogo fiorentino…