Imperia, vigilessa in malattia gareggia nel lancio del peso

Diciamocela tutta: quando ci mette in malattia, e ci si assenta dal lavoro, anche se la malattia non è vera ed è solamente una scusa per farsi qualche giorno di ferie retribuito, bisognerebbe almeno avere l’accortezza, e l’intelligenza, di non farsi vedere in pubblico, mostrando la migliore forma fisica.

Cosa che evidentemente non ha pensato Adriana Fausto, vigilessa di Imperia, che si è cimentata nel lancio del peso, mostrando tutta la sua prestanza: peccato che lo abbia fatto negli stessi giorni in cui non era a dirigere il traffico per una malattia che la costringeva a letto, una lussazione al ginocchio certamente non compatibile con l’attività atletica.

La Fausto, atleta della Maurina Olio Carli Imperia, è stata chiamata in causa da un esposto anonimo al capo della Polizia Municipale di Imperia ed è stata ascoltata dalla commissione disciplina del Comune che la riascolterà dopo il 10 novembre.

Quanto alle accuse, Adriana Fausto nega ogni addebito, specificando che ha partecipato alla gara, ma quando il malanno al ginocchio era passato, cioè il giorno che precedeva il ritorno al lavoro. Per la difesa, la partecipazione alla manifestazione era considerata una sorta di “test medico” per saggiare la resistenza del ginocchio.

“E’ una leggerezza, non un comportamento illecito. La Fausto ha 25 anni di servizio e ha ricevuto encomi” dice il suo legale Roberto Trevia a “La Stampa”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Spagna, allarme per carne contagiata da listeria

Quando si va in un paese straniero si è interessati ai luoghi,…

Tra dieci anni gli uomini potranno diventare mamme

Lungi dall’esprimere considerazioni di ordine morale, prima di dare la notizia in…